Potenza, scoperti a Maratea "furbetti" del reddito di cittadinanza

Condividere

Così un sessantenne di Maratea ha regolarmente presentato la richiesta per ottenere, avendo introito annui inferiori agli 8 mila euro, il "Reddito di Cittadinanza". Il tutto senza far pervenire alcuna comunicazione agli organi competenti e pertanto oggetto di denuncia all'autorità giudiziaria. Diversi i lavoratori impegnati con varie mansioni tra cui anche il 60enne che è risultato assunto senza contratto di lavoro.

All'operaio, i finanzieri della Tenenza di Maratea, sono arrivati attraverso un controllo ad una multiproprietà condominiale amministrata da professionisti incaricati. Il primo caso riguarda un operaio che aveva tutti i requisiti previsti dalla legge ma, nel maggio scorso, aveva ottenuto un lavoro da dipendente.

Roma, Gonalons ai saluti: c'è il Rennes
I giallorossi sono quasi pronti per iniziare la propria stagione, ma prima arriverà qualche altra cessione. Negli ultimi giorni è circolata la notizia che Maxime Gonalons sarebbe molto vicino al Rennes .

Il nuovo disco di Battiato è atteso per ottobre
A dispetto di quanto anticipato da noi qualche tempo fa, il nuovo brano non si intitolerà "Migranten" , ma " Torneremo ancora ". Sembra, infatti, che in autunno la famiglia possa definitivamente lasciare la casa sull'Etna e trasferire Battiato a Milano .

Open Arms, Procura acquisisce i documenti della Guardia costiera
Tuttavia, il responsabile del Poliambulatorio di Lampedusa , Francesco Casco, ha rivelato che " c'è qualcosa che non funziona ". I legali hanno chiesto di procedere per sequestro di persona, violenza privata e abuso in atti di ufficio.

"Nel secondo caso, il beneficiario - secondo l'accusa - ha "'dimenticatò di segnalare l'avvio all'attività lavorativa di un componente del proprio nucleo familiare".

Le fiamme gialle hanno segnalato entrambi i casi all'Inps, "per la revoca immediata del beneficio e il recupero delle somme indebitamente percepite". Inoltre a seguito di condanna, per i due soggetti non sarà possibile ripresentare la domanda per i prossimi dieci anni.

Condividere