Crisi di governo, il parere dei politici senesi

Condividere

Forza Italia, nella serata di ieri, ha ribadito che oggi chiederà il voto subito a Mattarella, così come le altre forze della coalizione di centrodestra, ma sussiste il sospetto che alcuni esponenti del partito berlusconiano possano intervenire in aiuto numerico nel dare la fiducia al governo giallorosso nascente, pur restando all'opposizione.

Ma cosa diranno gli esponenti dei grandi partiti a Mattarella? "Una decisone difficile - ha aggiunto - ma necessaria qualora il Parlamento non sia in grado di esprimete una maggioranza di governo". Anche se - precisa - si tratta di una decisione da non prendere "alla leggera" dopo un anno di legislatura. Il primo a essere sentito sarà il Presidente emerito della Repubblica Giorgio Napolitano: le consultazioni avverranno telefonicamente, dal momento che l'ex capo di Stato non si trova a Roma e le sue condizioni di salute non gli consentono di raggiungere il Quirinale in tempi brevi.

A seguire c'è il Gruppo Misto del Senato che conta 13 senatori, tra cui due a vita (Mario Monti e Liliana Segre).

L'Italia non andrà alle elezioni: da martedì nuove consultazioni.

Come si mette per il nostro paese?

Governo, Salvini: "Altri parlano di poltrone, noi pensiamo alla manovra economica"
"Rifarei tutto quello che ho fatto, con la grande forza di essere un uomo libero". "Io non voglio un'Italia schiava di nessuno. Dopo lo scontro in Senato con Conte, i nodi sono venuti al pettine con ancor più veemenza.

Cilento, trovato morto il turista francese disperso
Il personale del aveva provato a rintracciarlo, ma il suo cellulare si era scaricato e non era pià raggiungibile. "Va bene". Ecco la trascrizione della richiesta di aiuto . " Ho le gambe rotte, non so dove sono ". 118: "Da quale citta' chiamate?".

Open Arms, Trenta vs Salvini: "Non firmo decreto per umanità"
Una volta acquisita saranno gli stessi uffici del Viminale a inviarla in procura, probabilmente nella giornata di lunedì. I sanitari riterrebbero le condizioni a bordo "abbastanza accettabili", non hanno scritto di un'emergenza sanitaria.

Leggi qui la cronaca di tutta la giornata con tutte le posizioni espresse nella seconda giornata di consultazioni di questa crisi di governo. "Che stomaco che hanno!"

Matteo Salvini, seppur non nominato, è stato aspramente criticato da Luigi Di Maio per "l'apertura unilaterale della crisi", perché secondo Di Maio la "fine prematura" dell'esecutivo gialloverde avrebbe "bloccato riforme determinanti". Il partito del Carroccio, da ben prima dell'effettiva apertura della crisi del governo Conte, ha sempre profilato questa strada.

Nonostante i tanti apprezzamenti ricevuti dal centrosinistra dopo il suo discorso al Senato contro Salvini, parole comunque giudicate anche tardive, in caso di un'intesa di governo tra Movimento 5 Stelle e Partito Democratico difficilmente l'avvocato sarà di nuovo il premier.

I rappresentanti del gruppo per le Autonomie al Senato (8 membri) sono stati i primi tra i gruppi parlamentari ad incontrare Mattarella. Le consultazioni di Mattarella proseguiranno nel pomeriggio: alle 16 arriverà la Lega e infine alle 17 il Movimento Cinque Stelle. Oggi toccherà ai Gruppi più consistenti, ovvero Fratelli d'Italia, PD, Forza Italia, Lega e M5s.

Condividere