Presidente del Parlamento culla il figlio di un deputato durante una seduta

Share

È quanto avrà pensato Trevor Mallard, presidente della Camera neozelandese, che, durante una delle sedute, si è presentato sullo scranno al centro dell'assemblea con un piccolo bimbo in braccio allattandolo con un biberon.

In Inghilterra anche la leader Lib Dem Jo Swinson aveva portato il suo bimbo, Gabriel, in Parlamento nel 2018 e l'Australiana Larissa Waters aveva addirittura allattato in Senato nel 2017. "Di solito la poltrona del presidente è usata solo dagli ufficiali di presidenza, ma oggi un VIP è stato sulla poltrona con me - ha scritto Mallard -".

Questo video sta facendo il giro del mondo. "Contratulazioni a @tamaticoffey e a Tim per il nuovo membro della famiglia".

Mercato Juventus, il Milan piomba sull’attaccante bianconero: i dettagli
Come riporta Rai Sport , il croato è finito nel mirino del Milan , che ha già effettuato i primi sondaggi . Non perdere le ultime news! Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.

Conte sta per salire al Quirinale per dare le dimissioni
Il capo del governo non tiene fuori nulla dal suo intervento nemmeno il ricorso che Salvini all'uso di simboli religiosi. Ma "di legislatura " e in discontinuità con quello precedente, soprattutto sul tema migranti.

Cristiano Ronaldo: "Ora sembra facile, ma per diventare grande serve lavorare duro"
Il portoghese ha spiegato come suo figlio non credesse che suo padre avesse vissuto lì. Ma ho capito con l'esperienza che il calcio non è tutto nella vita.

Il gesto - innocuo e assolutamente positivo - fornisce l'immagine di una Nuova Zelanda sicuramente intenzionata ad andare incontro alle esigenze dei neo-genitori.

La presenza del piccolo Tūtānekai (che il deputato laburista a Tāmati Coffey e il marito Tim Smith hanno avuto grazie alla gestazione per altri), ha avuto un effetto decisamente positivo sui vari deputati e la seduta si è svolta in un ambiento più rilassato. Per molti, quindi, una strategia politica tutto sommato c'è stata da parte di Mallard, al di là del gesto a favore del collega di partito.

Share