Mondragone, bimba di 8 anni investita da pirata. Gravissima

Share

L'investitore, braccato dai carabinieri che hanno ritrovato la vettura, si è poi costituito alla Stazione dei militari di Casavatore (Napoli); si tratta di un 47enne residente nel quartiere napoletano di Secondigliano, risultato positivo alla cocaina.

La bimba che si trovava in località Pescopagano in vacanza con la famiglia, è stata investita mentre camminava con i propri genitori sulla strada. Secondo i medici la bambina ha un forte trauma cranico e gravi lesioni al bacino e in questo momento non è in condizioni di essere operata. Il pediatra dell'ospedale San Rocco di Sessa Aurunca li ha definiti sospetti e, così, un bambino di due anni e mezzo è stato sottratto ai genitori e affidato ad una casa di accoglienza di Benevento (con regolare segnalazione alla Procura del tribunale di Napoli Nord che ha aperto un fascicolo). Si trova ora in gravissime condizioni al Santobono, dopo un iniziale ricovero presso la clinica Pineta Grande di Castel Volturno.

Luciana Littizzetto, addio all'amata cagnolina: "Non ci sei più. E nemmeno io"
Un dolore che non può essere spiegato a parole che lascia un vuoto che non può essere colmato. Cuori di femmine che battono all'unisono".

L’agente di Correa è a Milano. I dettagli
L'attaccante argentino ha rifiutato diverse altre offerte arrivate da diversi grandi campionati continentali, ma il tempo stringe. A poco meno di due settimane dal termine del calciomercato, il Milan continua ad avere Angel Correa come obiettivo principale.

Fca (+3,6%) corre in Borsa, torna in auge piano fusione Renault
Fca in evidenza a Piazza Affari mentre torna in auge l'idea della nascita di un maxi polo con Renault . La notizia ha messo le ali al titolo del gruppo italo-americano.

Le immediate indagini avviate dai carabinieri di Mondragone hanno consentito, poco dopo l'incidente, di rivenire l'auto utilizzata dal pirata della strada, peraltro risultata priva di assicurazione e non revisionata. La madre, vittima per anni di violenze da parte del padre e del fratello, difesa dall'avvocato Maria Miraglia ha dichiarato ai carabinieri di Cellole che il bambino era caduto prima di arrivare in spiaggia. La dinamica è stata ricostruita dai carabinieri grazie alle testimonianze dei genitori della bimba.

A seguito di accertamenti sanitari è risultato essere sotto l'effetto di cocaina.

Share