Gb, fallita Thomas Cook. Migliaia di viaggiatori bloccati

Condividere

Lo staff dell'hotel ha tranquillizzato gli ospiti ma è difficile dire al momento come e quando potranno ripartire per le loro destinazioni di provenienza. Un progetto che non si è concretizzato per i timori che la situazione fosse oramai compromessa presso la clientela che ha cancellato in massa le prenotazioni gia' effettuate.

Thomas Cook, spiega Vlatakis, ha contratti con quasi il 70 per cento degli alberghi di Creta.

Il Ministro degli Esteri Raab ha assicurato che tutte le persone verranno riportate a casa, anche se le difficoltà di gestione sono abbastanza pesanti e ci potrebbero volere anche due settimane per attuare tutto.

Ancelotti: "C'è anche la Roma nella lotta scudetto"
Sulla questione rinnovi invece, il più complicato forse è quello di Mertens , ma il Napoli farà di tutto per trattenerli tutti. Conoscevo il percorso di Ancelotti , è un allenatore super e una bella persona.

Terremoto in Albania, trema l'Adriatico
Trovatosi a Francoforte al momento del terremoto , Rama ha annunciato il rientro in patria il prima possibile. La scossa è stata sentita indistintamente anche in Puglia e ha creato il panico soprattutto in Salento.

Bilancio Juve: ecco il piano di sviluppo e l’aumento di capitale previsto
Il consiglio d'amministrazione della Juventus proporrà agli azionisti, nell'assemblea del 24 ottobre, un aumento fino a 300 milioni di euro del capitale sociale.

Thomas Cook, che ha iniziato nel 1841 con una giornata di escursione in treno in Inghilterra, ed ora opera in 16 paesi, ha lottato negli ultimi anni. E' difficile dire cosa deve fare un albergo quando si presenta un cliente che ha pagato la camera a un'agenzia fallita: "di solito si richiede nuovamente il pagamento e si invita a rivalersi sull'agenzia fallita". La CAA, la Civil Aviation Authority inglese, l'ha definita la più vasta operazione di rimpatrio mai fatta in tempo di pace. Un costo che dovrebbe essere coperto dal fondo di garanzia Atol, il sistema di protezione amministrato dall'ente dell'aviazione civile britannico e finanziato dalle industrie del settore. La maratone organizzata ieri da Thomas Cook per riunire soci e investitori in cerca dei finanziamenti necessari per la sua salvezza si è conclusa senza un'intesa.

Questo investimento era costato a Fosun l'acquisto di una quota del 75% della divisione operativa di Thomas Cook e un 25% della sua compagnia aerea. Nonostante le trattative serrate, Thomas Cook non è riuscita a raggiungere un accordo con i creditori.

Il collasso di Thomas Cook - il cui principale azionista è la cinese Fosun Tourism Group - porterà alla perdita di un grande numero di posti di lavoro.

Condividere