F1: Vettel, sogno mondiale con Ferrari

Condividere

Certo non nascondo che sia bella la sensazione di tornare in pista qui a Sochi dopo la vittoria di Singapore. "Le ultime sette gare ci hanno dimostrato che siamo nel bel mezzo di una feroce battaglia e dobbiamo essere al meglio in ogni settore per conquistare il gradino più alto del podio".

Leclerc fa "mea culpa" per il suo comportamento a Singapore, "non dovevo reagire così", e punta a strappare il secondo posto a Valtteri Bottas. La vittoria è arrivata con lo "sgarbo" fatto al compagno in rampa di lancio Charles Lelcerc, con quel giro spettacolare, ma il tedesco, da buon leader esperto, ha empatizzato con il giovane rivale: "Non penso che si debbano interpretare troppo questo genere di messaggi, perché stiamo guidando". Non è la prima stagione difficile, avevamo speranze elevate all'inizio del mondiale ma ci siamo resi conto che le cose non erano come pensavamo. "Il sogno? Di essere campione con la Ferrari". "Imparerò da questo. La strategia era ovviamente quella giusta, la cosa più importante è fare primo e secondo col team". Sul lavoro di squadra della Ferrari, però, sento che non c'è nulla da dire. "Hanno portato ulteriori aggiornamenti che hanno funzionato, e all'improvviso Lewis Hamilton sta dicendo che sarà difficile battere la Ferrari".

Paratici: "Cristiano Ronaldo meritava il premio di ieri sera"
Archiviato il successo contro il Brescia , la squadra di Maurizio Sarri è già chiamata a preparare la partita di sabato contro la Spal .

È morto Jacques Chirac, ex presidente della Repubblica Francese
Nel 2002 sconfisse al ballottaggio il leader del Front National Jean-Marie Le Pen grazie anche ai voti della sinistra. Nel 2005 fu vittima di un ictus e prima di lasciare l'Eliseo fu costretto a diversi ricoveri in ospedale.

Napoli, Ancelotti rammaricato: "Siamo dispiaciuti, la classifica piange ma non sono preoccupato"
Questi turnover eccessivi non piacciono per principio, nessuna squadra in Serie A ha due formazioni che si equivalgono". Intensità dell'amichevole di Dimaro? L'unica cosa che non si può controllare nel calcio è il risultato.

Dall'alto della sua esperienza, il finlandese è stato poi l'unico tra i piloti interpellati a dirsi non contrario all'idea di introdurre per la prossima stagione una gara sprint di pochi giri al sabato per definire la griglia di partenza.

Condividere