COMMISSO, Sugli insulti a Dalbert: "Speravo che..."

Condividere

"Voglio congratularmi, prima di tutto, con la squadra per questi tre punti e con tutti i tifosi che ci hanno accompagnato per queste cinque partite, supportandoci nel bene e nel male". Sono fenomenali, eccezionali: gli voglio bene. Attraverso il portale Violanation.com il proprietario della Fiorentina Rocco Commisso è tornato sull'episodio che ha visto suo malgrado protagonista l'esterno brasiliano della Fiorentina, bersaglio di ululati domenica scorsa nel corso della gara con l'Atalanta disputata sul neutro di Parma. Tutto lo staff è molto contento dei nostri tifosi. Pradè ha fatto un buonissimo lavoro con Barone e tutto questo si vede nel campo.

F1: Vettel, sogno mondiale con Ferrari
Leclerc fa "mea culpa" per il suo comportamento a Singapore , "non dovevo reagire così", e punta a strappare il secondo posto a Valtteri Bottas .

È morto Jacques Chirac, ex presidente della Repubblica Francese
Nel 2002 sconfisse al ballottaggio il leader del Front National Jean-Marie Le Pen grazie anche ai voti della sinistra. Nel 2005 fu vittima di un ictus e prima di lasciare l'Eliseo fu costretto a diversi ricoveri in ospedale.

Salvini: "Conte mi odiava e a Di Maio non stavo simpatico"
Secondo il presidente del Consiglio è necessario, in merito, un intervento "radicale", di proporzioni "mai viste finora". Conte ha infine affermato che incontrerà in questi giorni il presidente americano Donald Trump . "Follia e malattia.

Ribery, che hanno portato loro a Firenze, e Chiesa, che mi hanno aiutato a convincere a rimanere, sono stati decisivi in questa gara. Lo staff sta facendo un ottimo lavoro. "In un periodo molto breve, ha saputo fare un grande lavoro con un gruppo totalmente rinnovato tanto che siamo la prima squadra in Europa per numero di nuovi giocatori inseriti in rosa - ha concluso Rocco Commisso -". Ieri sera stavo per avere un attacco di cuore: voglio tornare a Firenze a guardare la gara dal vivo. "Guardarla in TV è più faticoso che stare lì al Franchi". Commisso vuole che allo stadio si faccia solo il tifo per la propria squadra, senza discriminazioni contro gli avversari. Dobbiamo tutti accompagnare la squadra in questo difficile percorso di crescita.

Condividere