Mondiali di atletica, Filippo Tortu in finale nei 100 metri

Condividere

Nonostante la partenza a mezzanotte, la temperatura sul lungomare della capitale del Qatar che si affaccia sul Golfo Persico era di 32 gradi con un'umidità del 70%. Scordiamoci le folle festanti delle maratone classiche, per due ore e mezza le atlete corrono tra gli sguardi degli addetti ai lavori idratandosi continuamente. Tra barelle e ambulanze in azione hanno dovuto abbandonare anche le due azzurre Sara Dossena e Giovanna Epis.

"Oggi c'era da tirare fuori le palle ed è quello che ho fatto - ha dichiarato Tortu dopo la gara -". Doha ha messo sul tavolo una somma di denaro molto importante e la IAAF ha assegnato l'organizzazione della rassegna iridata che precede le Olimpiadi di appena nove mesi, la competizione si è spostata ad inizio autunno rispetto alla consueta collocazione nel cuore dell'estate, ma la situazione resta critica. Drammatiche le dichiarazioni della Dossena al termine della gara: "Sono svenuta, sono stata costretta a fermarmi. Troppo caldo, troppa umidità, non si riesce a respirare: il mio fisico è esploso". "Ne farò tesoro in futuro, con queste condizoni non serve preparare una maratona ma resistere a qualcosa che va oltre".

Maratona lenta, per forza di causa maggiore.

Alex Sandro torna in Brasile, Juventus: salta la Spal?
Insomma, è emergenza terzini e visto che fino a gennaio non si potrà intervenire sul mercato, Sarri dovrà fare di necessità virtù. Secondo Sky Sport , sono due le soluzioni possibili che Sarri sta studiando.

Former Trump advisor’s plans for Europe fail to win over Italy
This is against any kind of sovereignism and populism.” There are divisions within the Catholic Church, however. He called Minister Bonisoli’s actions “politically motivated” and is ready for a long legal fight.

Tifosi del Bologna e della Lazio in pellegrinaggio da Sinisa
Vittoria anche del carattere: "Abbiamo meritato la vittoria, abbiamo giocato bene, abbiamo dominato per tutta la partita". Non abbiamo preclusioni nel giocare con tanti giocatori offensivi ma dobbiamo avere umiltà ed equilibrio tattico.

Filippo Tortu con il tempo 10.20 (-0.3), nella batteria dei 100 metri dei Mondiali di Doha 2019 che si è corsa nel tardo pomeriggio di venerdì 27 settembre, si è qualificato direttamente per la semifinale prevista per sabato 28, chiudendo al terzo posto la sua manche.

Il primo oro dei Mondiali di Atletica, a Doha, e' keniano.

Condividere