Milan, Maldini: "Giampaolo scelta condivisa, lo difenderemo sempre. La colpa è di…"

Condividere

Il direttore tecnico rossonero Paolo Maldini, è intervenuto ai microfoni di Sky Sport al termine della disastrosa partita giocata dal Milan contro la Fiorentina, coincisa con la terza sconfitta consecutiva per la squadra di Giampaolo. Sapevamo quali potevano essere i problemi, anche se pensavamo di poter fare meglio, perché 4 ko in 6 gare sono troppi e anche la qualità del gioco non è soddisfacente. Tifosi giustificati, sono abituati a ben altro. L'ex coach della Sampdoria ha bisogno di tempo per lasciare la sua impronta sulla squadra, ma dalle parti di Milanello sono convinti che sia il tecnico giusto per la rinascita del club. Bisogna cercare di migliorare il gioco che non scorre come dovrebbe, i giocatori dovrebbero fare autocritica. Per dei giocatori così giovani non è facile giocare in uno stadio come San Siro. I concetti che vuole trasferire cominciano ad essere assimilati dalla squadra, siamo fiduciosi che avremo presto i risultati. L'anno scorso, anche se siamo arrivati a due punti dalla Champions League, non abbiamo dato un bello spettacolo.

Roma, Pellegrini fa crack: frattura e lungo stop
Infortunio Pellegrini , altra tegola per la Roma: gli esami svolti oggi hanno evidenziato una frattura del quinto metatarso . Con Pellegrini out e Mkhitaryan probabile assente, contro il Wolsfberg giocheranno Zaniolo e Pastore.

Paratici: "Cristiano Ronaldo meritava il premio di ieri sera"
Archiviato il successo contro il Brescia , la squadra di Maurizio Sarri è già chiamata a preparare la partita di sabato contro la Spal .

Former Trump advisor’s plans for Europe fail to win over Italy
This is against any kind of sovereignism and populism.” There are divisions within the Catholic Church, however. He called Minister Bonisoli’s actions “politically motivated” and is ready for a long legal fight.

"Il nostro precampionato è stato positivo, lo abbiamo affrontato con una formazione rimaneggiata; quando siamo rientrati ci sono state grosse difficoltà tattiche che hanno minato le nostre sicurezze". Giochi con un blasone e una maglia importante, questo pesa. "Mio ruolo? Parlare con la proprietà, condividendo i problemi dell'allenatore e dei giocatori". Le quattro sconfitte non erano state messe in preventivo, sì invece i rischi derivanti dal giocare con gente giovane. "Tre giorni fa a Torino avevamo fatto una partita ricca di personalità, con sprazzi di cose belle".

Condividere