Karina Cascella: "Mio padre era un alcolista e mi picchiava"

Condividere

Con gli occhi colmi di lacrime ma forte abbastanza da non farle scivolare sul volto la Cascella racconta il suo vissuto che l'ha fatta diventare la persona che oggi. Si parla della sua infanzia, dell'adolescenza, quando il padre beveva e la pestava. Karina Cascella ha rischiato di lasciarsi andare davanti a quella bara, non aveva niente ma c'erano le sue due sorelle e con loro ha avuto la forza di rialzarsi e riprendersi la sua vita, di continuare. Intervistata da Carmelita, Karina Cascella ricorda: "Mio padre aveva grandissimi problemi con l'alcol". Ci ha picchiato per diverso tempo.

Cassano: "Conte è l'acquisto top dell'Inter, mi ha impressionato la sua autorità"
A Madrid arrivai con 93kg, con Capello ne persi 10. "Contro squadre 'scappate di casa' si vede per forza la superiorità". I giovani sono di prospettiva, Giampaolo ci ha messo un po' troppo per capire le potenzialità di chi fa la differenza.

Belotti a Sky: "Nel primo tempo male, nell'intervallo è successo qualcosa"
Nel primo tempo siamo scesi in campo in un modo, nel secondo in un altro, dobbiamo capire come evitarlo di nuovo. Il Torino batte il Milan 2-1 in rimonta e si porta al quarto posto in classifica con Cagliari e Napoli .

COMMISSO, Sugli insulti a Dalbert: "Speravo che..."
Commisso vuole che allo stadio si faccia solo il tifo per la propria squadra, senza discriminazioni contro gli avversari. Dobbiamo tutti accompagnare la squadra in questo difficile percorso di crescita.

Karina se ne è andata di casa a 18 anni, ed entrambi i genitori non ci sono più. "La picchiava anche quando era incinta di noi". Dunque si rivolge a tutte le donne vittime di violenze e le invita a "scappare e denunciare". Mia mamma è stata una grande donna, ma erano altri tempi.

Condividere