EUROPA LEAGUE - Wolfsberger-Roma: 1-1, non basta un fortunoso goal di Spinazzola

Condividere

La Roma sfida, in Austria, il Wolfsberg, squadra che ha stupito all'esordio battendo con un netto 4-0 il Borussia Mönchengladbach, in una gara valida per l'Europa League 2019/2020.

Ai giallorossi non è bastato infatti un gol fortunoso di testa di Spinazzola al 21' per mettere la partita in discesa.

Per quanto detto sopra, suggeriamo di puntare su una gara poco ricca di gol in quanto molto combattuta specie a centrocampo. I grattacapi da risolvere per l'allenatore portoghese sono gli assenti: Zappacosta, Under, Perotti e Pellegrini potrebbero pesare.

La partita si disputerà allo stadio UPC Arena a Graz. Out anche Florenzi e Pau Lopez.

Barcellona-Inter, Conte sfida Valverde: Sanchez torna al Camp Nou
"Siamo l'Inter , abbiamo Conte come mister e vogliamo vincere tutte le partite, compresa quella di domenica con la Juve ". A centrocampo il trio De Jong, Busquets e Rakitic, in ballottaggio con Arthur .

PSG: la squadra perfetta per Mauro Icardi?
Obiettivi che dovranno essere raggiunti in un clima non troppo favorevole anche a causa delle tensioni tra tifoseria e Neymar . Ci porta il sorriso e migliora l'umore del gruppo.

Genoa, esonero Andreazzoli: il punto e i possibili nomi
E allora Preziosi nell'attesa di capire si guarda attorno e sonda anche altri terreni. E l'aspetto economico in casa rossoblù non passa certo in secondo piano.

Gli austriaci non stanno a guardare, sfiorando per due volte la marcatura al 22': un colpo di testa di Ritzmaier viene ottimamente respinto da Mirante e, sul proseguimento dell'azione, Schmid mette a lato. La Roma fino alla fine tenta disperatamente di portare a casa a 3 punti ma non riesce. Spinazzola se la ride: non segnava da circa cinque anni.

Ad inizio ripresa la Roma ha subito una chance con Zaniolo ma sono gli austriaci a pareggiare con una conclusione dalla distanza di Liendl.

Roma (4-2-3-1): Mirante; Santon, Fazio, Mancini, Spinazzola (80′ Kolarov); Diawara, Cristante (82′ Veretout); Zaniolo, Pastore (77′ Antonucci), Kluivert; Kalinic. L'azione è leggermente più incisiva con Kalinic che invoca un calcio di rigore per un braccio di Novak attaccato al corpo non c'è più tempo.

Condividere