Inter-Juventus 1-2: Higuain ancora decisivo, la Juventus spodesta l’Inter dal primato

Share

Meno di 10' dopo, però, arriva il pareggio: De Ligt è scomposto e nel tentativo di liberare l'area di rigore da un cross proveniente dalla destra colpisce il pallone con il gomito e Rocchi assegna il rigore alla squadra di Conte (penalty confermato anche dal VAR) e Lautaro Martinez lo trasforma senza esitazioni, 1-1.

Apre Dybala, risponde Lautaro, poi Higuain chiude il derby d'Italia in salsa argentina. Ha messo in difficoltà l'Inter con un pressing continuo già nel primo tempo, una manovra più fluida e un maggior tasso tecnico in campo, soprattutto in attacco. Per rispetto sportivo, ma anche per la consapevolezza che al termine di quella che poteva essere la gara della svolta sono riaffiorate le vecchie certezze: nessuno è come la Juventus. L'attaccante controlla e di destro batte Handanovic. È però l'Inter ad andare vicina al vantaggio, con un tiro di Vecino che va fuori dopo aver colpito il palo, con Szczesny immobile fra i pali. Sarri ha quindi azzeccato i cambi. L'argentino torna a violare San Siro, a nulla serve l'arrembaggio finale dei padroni di casa, co 'unica occasione per Vecino che non impensierisce il portiere avversario.

Inter de Milan: (3-5-2) Handanovic; Godin (dal 53' Bastoni), Skriniar, de Vrij; D'Ambrosio, Barella, Brozovic, Sensi (dal 33' Vecino), Asamoah; Lukaku, Martinez (dall'78' Politano). A disposizione: Biraghi, Candreva, Dimarco, Esposito, Gagliardini, Lazaro, Padelli, Ranocchia, Valero.

Inter Juventus, le emozioni di De Ligt: "Partita che attendevo con ansia"
Infine sul modulo, Sarri ha concluso: "Ad Empoli sono partito con un modulo e ho poi fatto un ciclo con un altro modulo". Buona partenza? Secondo me abbiamo ancora margini di miglioramento, dobbiamo andare a trovarli piano piano .

Sampdoria, Ferrero a fine match: "Di Francesco? Devo prendere la decisione giusta"
E sullo sfondo c'è Beppe Iachini , come scrive Tuttomercatoweb . "Siamo molto dispiaciuti per quello che sta accadendo". Una sconfitta che costa molto cara ad Eusebio Di Francesco questa contro il Verona di Ivan Juric.

Si è spento all'età di 76 anni Giorgio Squinzi
Lascia la moglie e due figli, Marco (44 anni) e Veronica (43 anni). È morto Giorgio Squinzi . Dal 2002 è proprietario della squadra calcistica del Sassuolo della quale era presidente.

Juve (4-3-1-2): Szczesny 7; Cuadrado 7, Bonucci 6,5, De Ligt 5,5, Alex Sandro 6,5; Khedira 6,5 (61′ Bentancur 6,5), Pjanic 7,5, Matuidi 7; Bernardeschi 5,5 (61′ Higuain 7); Cristiano Ronaldo 7, Dybala 7 (71′ Emre Can 6,5). All.

4' Dybala (J), 18' rig.

Ammoniti: Alex Sandro per comportamento scorretto al 13', Emre Can all'84' per gioco scorretto.

Share