UniCredit, dal 2020 tassi negativi sui conti oltre i 100mila euro

Share

Tra gli istituti di credito si segnala quindi il +3,98% a 10,56 euro di Unicredit, al centro del dibattito dopo che il ceo Mustier ha annunciato l'intenzione di applicare tassi negativi sui depositi oltre i 100mila euro, con la novità dovrebbe arrivare nel corso del 2020. Se un cliente accumula tanti soldi e non c'è qualcosa di illegale sotto, significa che ne ha bisogno. La Bce, intanto, il mese scorso ha tagliato i tassi sui depositi a -0,50% dallo 0,4% rendendo ancora più costoso per gli istituti parcheggiare la propria liquidità presso l'Eurotower. In ogni caso verranno offerte alla clientela, ha aggiunto il banchiere, "soluzioni alternative ai depositi come ad esempio investimenti in fondi di mercato monetario senza commissioni e obiettivi di performance in territorio positivo". "Dobbiamo proteggere tutti i clienti più vulnerabili delle banche, quelli che sono coperti dalla garanzia sui depositi, caso per caso", ha affermato il manager transalpino, secondo cui "si possono passare i tassi negativi alle grandi imprese o a certi grandi clienti offrendo loro un certo numero di alternative".

"No" di Strasburgo all'ergastolo duro, Lo Voi: "Decisione che non condivido"
Per Matteo Salvini si tratta di una "ennesima follia ai danni dell'Italia dalla Corte dei diritti umani di Strasburgo". Ma stiamo scherzando? Qui abbiamo combattuto e combattiamo ancora una guerra contro le mafie.

Nazionale, dopo 65 anni torna la maglia verde
Protagonista sin qui di un percorso perfetto nel cammino che porta ad un pass per Euro 2020 , l'Italia , prima nel Gruppo J a punteggio pieno, si appresta a tornare in campo per sfidare la Grecia .

Inter Juventus, le emozioni di De Ligt: "Partita che attendevo con ansia"
Infine sul modulo, Sarri ha concluso: "Ad Empoli sono partito con un modulo e ho poi fatto un ciclo con un altro modulo". Buona partenza? Secondo me abbiamo ancora margini di miglioramento, dobbiamo andare a trovarli piano piano .

L'istituto di piazza Gae Aulenti è la prima banca italiana a trasferire i tassi negativi sui clienti, mentre in Europa è già successo in Germania. Tuttavia, Mediobanca nutre alcuni dubbi in proposito: "Non si vede come il trasferimento di tassi negativi sulla base di clienti possa stimolare gli investimenti, dato che a spingerli sono ragioni industriali piuttosto che una logica finanziaria". "Sarebbe estremamente importante che i tassi negativi non si fermassero nei bilanci bancari". Unicredit cerca di aprire le porte ad un nuovo momento nel sistema creditizio italiano, forse anche consapevole di un accordo con gli altri istituti che seguiteranno nella medesima scelta e non ruberanno clienti alla banca stessa.

Share