Grillo truccato da Joker: "non ho piani, sono il caos"

Condividere

Uno di loro se la prende anche con Luigi Di Maio: "lo abbiamo osannato quando era al Mise e ora ci lascia qui fuori.". "Questo è semplicemente un auspicio, perché l'obiettivo del Movimento è quello di portare a termine gli obiettivi che si è preposto". Annunciata la legge sulla prescrizione, che entrerà in vigore dal 1 gennaio 2020, come ha spiegato il ministro degli Esteri anche a SkyTG24: "Non c'è nulla da discutere, è già legge ed entrerà in vigore dal primo gennaio". Accanto al suo faccione truccato, il titolo che più sente di darsi, "l'elevato": "Se fossi venuto lì, mi avreste chiesto che piani ho... io non ho piani, voi ne avete a centinaia". "Per fermare un processo industriale che mette in circolazione rifiuti l'unico modo è la tassazione". La condizione per tornare elettoralmente appetibili, e avvicinare o riavvicinare tanti cittadini al Movimento, sta nel continuare il percorso iniziato, curandosi dei risultati piuttosto che dei sondaggi, e gettando sul fuoco la carne di nuovi provvedimenti bandiera. "Dobbiamo fare questa riforma del Titolo V - ha chiarito - è la nostra grande sfida".

Nazionale, Mancini ammette: "L'unico dubbio è tra Barella e Bernardeschi"
Quando giocavamo insieme siamo stati sfortunati sul piano dei risultati, con una Nazionale fra le migliori al mondo. A centrocampo vedremo Barella o Bernardeschi? Purtroppo non siamo riusciti a vincere né un Mondiale né un Europeo.

Cosa si sa della sparatoria di Halle
La forze dell'ordine hanno arrestato un membro del commando e hanno chiesto ai residenti di rimanere in allerta. Per precauzione è stata chiusa anche la stazione ferroviaria della cittadina.

Giudice sportivo: due giornate di squalifica per Paulo Fonseca
A parte questo episodio sembra spesso goffo e in difficoltà nonostante la scarsa spinta offensiva degli ospiti. Dzeko sempre bravo, discreto Kluivert nel primo tempo , ottimo Zaniolo nella ripresa, non male Antonucci.

E Grillo ha bisogno di dissociarsi dai dissociati per spiegare alla base, al suo pubblico, la necessità di una svolta "storica" che a breve si riproporrà oltre Palazzo Chigi. "Sono io il vero caos", ha detto nel video prima di apparire sul palco tra applausi e risate. Il leader del Movimento, prima di recarsi a Italia 5 Stelle, ha riunito i ministri M5S per fare il punto sulla manovra e il decreto fiscale. Questa la tabella di marcia illustrata da Di Maio: fino all'11 novembre è possibile avanzare le candidature, poi i progetti presentati dagli aspiranti 'facilitatori' verranno valutati e selezionati. "Al momento non c'è alcun dibattito su un'alleanza organica con il Pd", ha chiarito invece ai microfoni del Tg2. Assenza che ha scatenato il sospetto: la sua è una polemica contro un M5s che, come molti altri, di cui non condivide più linea e obiettivi? Se però vogliamo rimettere questa nazione e tutti noi in carreggiata non si può che proseguire nell'opera di smontaggio di un sistema anche culturale rimasto preistorico. Se c'è un prodotto, allora si cambia e si amplia il mercato: "su questo il governo c'è".

Condividere