St. Pauli, licenziato Cenk Sahin: aveva pubblicato post pro Erdogan

Condividere

Tra questi c'è anche Cenk Sahin, appena licenziato dal St. Pauli. La società ha dunque sposato la linea della tifoseria, che aveva immediatamente richiesto l'allontanamento del calciatore dalla squadra di Amburgo.

Il contratto di Sahin, per la tutela di tutte le parti coinvolte, resta in essere e il St.Pauli concederà al giocatore la possiblità di continuare ad allenarsi e scendere in campo con altri club. Il St. Pauli, che aveva già preannunciato di voler prendere provvedimenti, ha pubblicato una nota che ribadisce con chiarezza quali sono i valori del club: "I principali motivi sono il ripetuto disprezzo dei valori del club e la necessità di proteggere il giocatore. Il fatto che rifiutiamo ogni atto di guerra non può essere in discussione".

Il comunicato della Colombia sulle condizioni di Duvan Zapata
Partito titolare nella sfida contro il Cile , Zapata è stato costretto ad alzare bandiera bianca dopo solo 23 minuti di gioco . Ecco le sue principali parole: "Mi sono fatto male calciando in porta, non era mai successo che mi facessi male così".

Joaquin Phoenix incidente, come sta Joker? E’ in ospedale
Si tratterebbe di una svolta nella sua carriera che potrebbe mostrarlo alla stampa e ai critici con un volto diverso. Tuttavia, il 45enne all'apice del suo successo ha subito un violento incidente avvenuto circa due settimane fa.

Lettera della Nord a Lukaku, Koulibaly: "Qui non sarebbe successo"
Oggi ha voluto raccontare a sua opinione a 'L'Equipe' . " Questi idioti che gridano 'buu' negli stadi, non lo farebbero mai davanti a me, faccia a faccia ".

Il St.Pauli ha spiegato il licenziamento di Sahin con un comunicato ufficiale pubblicato sul proprio sito. La politica è entrata prepotentemente nel mondo del calcio: sono stati molti infatti i giocatori che hanno espresso il loro sostegno nei confronti del presidente turco Erdogan sui social, scatenando una vera e propria bufera.

Condividere