Calcio, il Pescara "licenzia" un suo tifoso per razzismo

Condividere

La società adriatica ha risposto senza problemi: "Facciamo noi? Bene, signore e signori, Andrea non è più un nostro tifoso", ha replicato il Pescara con tanto di emoticon di festa e gli hashtag 'NoAlRazzismo' e 'NoToRacism'.

Il Pescara si è schierato apertamente e nettamente contro il razzismo, uno dei temi caldi del calcio in queste concitate ore che seguono alle partite delle varie Nazionali.

GdS - De Laurentiis pronto a blindare Fabian: aumento e clausola monstre
Dopo essersi preso le chiavi del centrocampo del Napoli , punta a farlo con la Nazionale maggiore. Ci ha visto lungo il Napoli , quando l'anno scorso ha acquistato Fabian Ruiz .

Milan, Elneny obiettivo per gennaio. Servono 15 milioni
Elneny è un geometra incontrista, una sintesi tra Kessie, Biglia e Bennacer . Mohamed Elneny , classe 1992 , è nel pieno della carriera .

Todt: "Schumacher lotta ogni giorno per migliorare condizione"
Jean Todt parla di Schumacher: "Non c'è nessuna notizia, salvo il fatto che Michael sta lottando per migliorare ogni giorno la situazione ".

"Bravo @PescaraCalcio! Continuiamo insieme questo percorso per dire ancora una volta #NoAlRazzismo #NoToRacism". Anche il presidente della Lega di Serie B, Mauro Balata, ha apprezzato molto la presa di posizione del Pescara e non ha mancato di ricondividerla e rivolgere i complimenti alla società.

A ritwittare è stato anche il presidente della Figc, Gabriele Gravina, che scrive: "La strada è questa, il calcio non può accettare razzismo e discriminazioni".

Condividere