Ciclista investito a Canzo Rimarrà paraplegico - Erba Canzo

Condividere

Brutte notizie per il ciclista Edo Maas, olandese di 19 anni, del Team Sunweb, che era rimasto coinvolto in un incidente con un'automobile durante il Piccolo Giro di Lombardia, lo scorso 6 ottobre, sulla discesa dal Ghisallo: purtroppo rimarrà paraplegico. Il team Sunweb e la famiglia di Edo sono estremamente grati al personale medico e infermieristico dell'ospedale Niguarda per l'impegno, la dedizione e la cortesia con cui hanno seguito Edo. "Edo è ora pienamente cosciente ed è stato sveglio per un paio di giorni - si legge nella nota - rispondendo bene alla famiglia e ai compagni di squadra che gli hanno fatto visita". Immediatamente trasportato in ospedale a Milano con numerose fratture dopo aver violentemente sbattuto con l'auto di una donna che era entrata per sbaglio sul circuito della corsa, il giovane corridore neerlandese ha subito numerosi interventi alla schiena e al volto, ma non la farttura vertebrale ha leso la funzionalità delle gambe.

Edo è stato informato che la frattura alla schiena lo ha portato ad uno stato di paraplegia, con la perdita delle sensazioni nervose alle gambe. La famiglia chiede il rispetto della privacy in questo difficile momento.

Juventus, vicino Matias Soule (2003) del Velez
Sì, perché al netto di un piccolo "premio preparazione", infatti, Soulé sbarcherebbe a Torino praticamente gratis. Matias Soule è entrato nella lista dei desideri di Fabio Paratici , Chief Football Officer della Juventus .

Politica / Dazi Usa, tensione Trump - Mattarella alla Casa Bianca
I due capi di Stato si sono accomodati nella Sala Ovale per un incontro riservato. E sull'Italia "non vogliamo essere duri, vedremo di affrontare l'argomento".

Far West a New York: quattro morti e tre feriti
Sparatoria a New York: quattro persone sono morte e altre tre sono rimaste ferite in una sparatoria a Brooklyn . I feriti sono stati portati al Kings County Hospital e al Brookdale University Hospital Medical Center .

Anche se questo non cancellerà questa tragica tragedia, chiediamo ancora una volta al nostro organo di governo (UCI), di dare priorità - in termini di tempo e di risorse - per migliorare la sicurezza in gara per le squadre e i loro corridori.

Condividere