Boeing 737 Max, la società sapeva - Ticinonline

Share

Per mesi l'azienda produttrice di aerei Boeing ha sostenuto di non aver mai saputo che il nuovo sistema di sicurezza automatizzato dei 737 Max (probabile causa di due gravi incidenti aerei tra il 2018 e il 2019) non fosse in realtà sicuro. Prima il volo di Lion Air, vettore indonesiano, caduto al largo delle coste di Giava.

Inter, ennesima tegola per Conte: Sensi si ferma di nuovo
Al termine di questa settimana di riposo, verranno effettuati nuovi accertamenti per monitorare l'evoluzione del quadro clinico. Un ulteriore problema per il tecnico salentino che è già in emergenza per la rosa viste le numerose assenze.

Ds Avellino sull'esonero di Ignoffo: "Non ho fatto bella figura con lui"
Grande attesa per l'esordio con il botto, in programma domenica 20 ottobre contro il nuovo Bari di Vivarini. E' stata una decisione che ho preso personalmente e mi assumo tutte le responsabilità.

Il Vaticano lancia il rosario digitale
In questi giorni nello Stato del Vaticano è stato presentato un gadget Hi-Tech quanto meno. particolare. Il costo di questo rosario tecnologico è di 99 euro.

Dalle indagini, ancora in corso, il 18 ottobre è emerso un dettaglio inquietante: Boeing sapeva dei problemi al sistema automatico di stabilità. Nello scambio di messaggi, Mark Forkner, all'epoca pilota per la Boeing, scrive a un collega: "Impazzisce nel simulatore". "Beh, ti dico che non sono bravo a pilotare, ma è stato scandaloso", ha continuato il pilota nella conversazione con un collega, Patrik Gustavsson. Quest'ultimo sottolinea poi che le istruzioni nel manuale di volo dovrebbero essere aggiornate.

Share