Pioli, tutti i suoi esordi: dal Parma al Milan

Condividere

"Faremo un buon lavoro, ne sono sicuro". Però l'obiettivo è sempre sulla prossima partita, sarà sempre così. "Dobbiamo avere la lucidità di capire i momenti della partita". "Iniziamo un nuovo percorso e la cosa importante è vedere l'atteggiamento giusto". L'ex allenatore della Fiorentina non ha certo intenzione di creare una rivoluzione ma vuole portare questa squadra almeno in Europa League. Ha avuto pochi giorni e ha cercato di sfruttarli: insieme a colazione, insieme a pranzo. Il mio metodo di lavoro è attento e particolare, per me un tecnico deve lavorare a 360 gradi. Stiamo facendo di tutto per essere al meglio. Spero che la squadra mi stupisca domani. Credo siamo molto importanti.

Pioli, almeno per l'esordio, non potrà dunque contare sul sostegno della Curva che non sembra averlo accettato a pieno: toccherà a lui cancellare le opinioni negative sul suo conto attraverso una vittoria che sarebbe un bel regalo di compleanno per i suoi 54 anni. Uno strappo alla regola visto che "di solito quando giocano il posticipo la comunico al mattino della domenica". È un giocatore di carattere. "Stiamo lavorando anche sulla posizione in campo da prendere e sull'intensità". Per alleggerire le tensioni?

MotoGP | Gp Giappone Qualifiche: Fabio Quartararo: "Proveremo a stare con Marquez"
Queste le sue considerazioni: "So che in queste condizioni faccio fatica solitamente, ma alla fine sono contento". E' mancato qualche decimo per partire più avanti perché non sono stato abbastanza bravo in frenata .

Vincitore di Italia's Got Talent accoltella un amico musicista
Secondo le prime ricostruzioni, Sorgentone si sarebbe avvicinato all'amico, Mirko D., 42 anni, e lo avrebbe accoltellato. Dopo il ferimento subito (circa 7 giorni la prognosi, ndr), ha chiamato la Polizia denunciando l'accaduto.

Napoli, Lozano ko in Messico-Panama: l'infortunio alla caviglia non è grave
Non dovrebbe esserci alcuna lesione, come visto anche dai primi controlli, e per questo il Napoli è abbastanza tranquillo . Uno dei, Hirving Lozano , è stato costretto ad abbandonare il campo per una botta alla caviglia destra al minuto 66.

Ho voluto abolire il ritiro del giorno prima per responsabilizzare i calciatori, bisogna essere dei professionisti.

Novanta minuti senza cori e incitamento: non un tempo o solo un frangente, ma tutta la partita in silenzio.

Condividere