F1: Messico, Leclerc scatta in testa

Condividere

"Non è facile perché ci spostiamo in tutte le parti del mondo,"racconta il pilota inglese prima del Gran Premio del Messico, che poi vincerà,"corriamo su auto di Formula Uno che inquinano di più degli abitanti delle città che visitiamo durante il Mondiale". Sul podio, al secondo posto c'è solo Vettel.

L'avevamo detto in settimana. Alla Mercedes non rimangono certo a guardare e, dopo i primi giri di "gestione" gomme, si arriva alla fase dei cambi.

Queste le parole di Sebastian Vettel: "La situazione è completamente diversa da quella del Messico, dove si gareggiava in altura - osserva -". Hamilton rientra per primo e si mette subito in condizioni di evitare l'undercut ai box della Ferrari. Bravo, era atteso soprattutto nel corpo a corpo, ha convinto. "Non puoi dire una cosa e poi fare l'opposto il giorno dopo", racconta Alonso alla radio spagnola Cope.

Pavarotti da Lunedì 28 a Mercoledì 30 Ottobre al Rossini e all’Astra
Negli anni '70, Ron Howard ha conquistato la notorietà interpretando il ruolo di Richie Cunningham nella serie televisiva di grande successo 'Happy Days' .

Napoli, grave infortunio per Malcuit
A Ferrara il Napoli potrebbe aver perso non soltanto due punti preziosi per la lotta al quarto posto in classifica. Prova subito a rientrare in campo, ma dopo qualche secondo cade a terra piangendo dal dolore.

Cecilia Rodriguez felice con Ignazio Moser Il nostro segreto Fare tanto lamore
"E non vedo l'ora di raccontarvi tutto credeteci nei vostri sogni perché davvero diventano realtà ". Dal canto suo Ignazio la venera: "Lei ha un carattere esplosivo, tanta ironia e gioia di vivere".

La strategia della Ferrari non è vincente. Errore nel fissaggio della ruota, come già successo a Norris e Giovinazzi nel corso della gara, e gara compromessa.

A sbagliare e' invece Hamilton che in lotta con Verstappen perde due posizioni finendo in quinta.

LA SFIDA DI BINOTTO All'ennesima dichiarazione di Horner sui presunti 50 cavalli di vantaggio del motore Ferrari sui rettilinei, Binotto ha replicato dichiarando a Roger Benoit, storico reporter svizzero di F1: "Dovrebbero protestare!" Negli ultimi due GP, per entrambe le volte, la prima fila tutta rossa non si è tradotta in vittoria. Un qualcosa che non fa bene al motorsport perchè alimenta un chiacchiericcio spesso senza fondamenta solide. Ha continuato a spingere, continuando a portare dei nuovi pezzi per la macchina e oggi abbiamo dimostrato di essere molto veloci. Al via il corpo a corpo con Hamilton è stato un "duello rusticano". "Così poi potremmo vedere quanto sono stupide le loro accuse e le voci spariranno". Leclerc al comando della gara visto il degrado, entra ai box. Infine sulla prossima tappa negli Stati Uniti: "Andremo ad Austin per cercare di vincere, guardiamo la prossima tappa in modo positivo". Avrebbe potuto benissimo evitarlo, è vero che Leclerc si stava migliorando nell'ultimo giro, ma è anche vero che un conto è tentare di vincere una gara dalla seconda casella, un conto dalla 4°. Qui la Mercedes fa il calcolo giusto. "Lo facciano.". L'hanno preso in parola, retrocedendolo di tre posizioni in griglia (partirà quarto, al fianco di Hamilton) e togliendogli due punti nella licenza piloti.

Condividere