F1: pesante accusa di Verstappen alla Ferrari. Furia a Maranello

Share

Un'accusa al vetriolo che ha fatto rapidamente il giro del paddock, fino ad arrivare direttamente al box della Ferrari.

Max Verstappen ha attaccato pesantemente la Ferrari al termine del GP degli USA 2019, terzultima tappa del Mondiale F1 che si è corsa nella giornata di ieri sul circuito di Austin. Ma andiamo con ordine.

Flixbus si rovescia in autostrada, 33 feriti in Francia
Stando alle prime informazioni, ci sarebbero almeno 33 feriti , quattro dei quali verserebbero in gravi condizioni. Secondo quanto riferito dalla Prefettura della Somme, l'incidente è avvenuto intorno alle 11.50 di questa mattina.

Roma-Napoli 2-1: Zaniolo-Veretout, prova di forza della Lupa
Si gioca oggi pomeriggio alle 15 allo Stadio Olimpico di Roma e sarà trasmessa in diretta da Sky . Al 35' ancora Napoli pericoloso con Insigne ma Pau Lopez è bravo a deviare in angolo.

Ex arbitro Mazzoleni: Napoli piange sempre, rigore non c'era
Cioè quello di non preoccuparsi della palla e di concentrarsi solo sull'avversario per cercare di disturbarlo. Una cosa, però, non punibile, perchè il giocatore può fare quello che vuole purchè non sia fallo.

La Ferrari non può dunque dirsi soddisfatta del weekend di Austin: "è stata una gara in generale molto difficile, quasi disastrosa, con Seb con un problema alla sospensione posteriore, pensiamo che il problema ci fosse da inizio gara, capire quando e come non è ancora stato possibile, lui si è lamentato subito di un problema alla macchina".

Il riferimento di Verstappen è alla potenza del motore delle Ferrari che, in casa Red Bull, ritengono sia stata ridotta in base alla direttiva tecnica della FIA sul flusso di benzina. "Abbiamo esaminato molto attentamente questi aspetti - ha detto Max - ma dobbiamo tenere d'occhio questa situazione". In tal senso, in seguito ai controlli svolti sulle monoposto, la Ferrari non ha mostrato nulla di illegale, risultando conforme nonostante i dubbi scatenati da una top speed superiore a quella dei rivali in qualifica (328 km/h contro i 325 fatti segnare da Mercedes e Red Bull). Non può sicuramente festeggiare invece la Ferrari, protagonista di una gara disastrosa: Vettel è stato costretto al ritiro dopo 8 giri dal via, mentre Charles Leclerc non è riuscito a far meglio del quarto posto e non ha nascosto tutto il suo dispiacere. Siamo fortemente delusi, la gara non rispecchia il nostro valore. Poi, più tardi, ha commentato: "Ho saputo delle dichiarazioni di Verstappen e mi hanno profondamente deluso".

Share