Traffico internazionale di droga da Castel Volturno, 16 arresti

Share

Arrivava in Italia attraversando l'Africa, veniva distribuita agli spacciatori di dell'Italia del Centro e del Sud e quindi ai clienti.

Il provvedimento cautelare costituisce l'esito di un'attività investigativa, inizialmente coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere e successivamente, attesa la sussistenza di reati associativi a carattere transnazionale, dalla Direzione Distrettuale Antimafia. L'organizzazione era composta prevalentemente da nigeriani che attraverso i cosiddetti 'corrieri ovulatori' e bagagli a doppio fondo riuscivano a importare la droga dal Pakistan all'Italia attraverso la Nigeria, il Niger, il Malawi, l'Uganda, la Tanzania, il Ruanda, la Turchia e l'Olanda. I capi promotori agivano nel Casertano a Castelvolturno e Villa Literno ed un altro, invece in Ruanda. I carabinieri di Santa Maria Capua Vetere hanno eseguito un'ordinanza di misure cautelari della Direzione distrettuale antimafia di Napoli tra Castel Volturno, Casal di Principe, Napoli, Corigliano- Rossano, Sassari, Latina, Roma, nelle province di Firenze, Parma e presso le case circondariali di Trento, Santa Maria Capua Vetere, Napoli Secondigliano e Paola. Si tretterebbe dunque di una posizione marginale rispetto a quella dei trafficanti che si occupavano della gestione delle partite di eroina e del loro trasporto attraverso i corrieri.

Nel corso delle indagini, cominciate nel 2015 e proseguite fino ad oggi, sono state arrestate 19 persone, quasi tutti corrieri nigeriani, ma anche ruandesi, ghanesi e tanzaniani, e sequestrati in totale 19 chilogrammi di eroina, trovati in 976 ovuli e 2 pacchi nascosti in bagagli.

De Laurentiis: "Il Napoli resterà in ritiro fino a domenica"
Calciopoli? Il ricordo è ancora vivo, per alcuni arbitri metto la mano sul fuoco ma non posso farlo per tutti. Quando si viaggia in aereo vedo una squadra coesa e vorrei che questa coesione contaminasse tutti.

MotoGp, a Sepang vola Quartararo: la prima vittoria a quota 2,50
Purtroppo in qualifica il mio feeling con la moto non era ottimo e quindi non sono riuscito ad essere abbastanza veloce. Per il 22enne di Prato, che corre col team Leopard, è il 3° successo di una stagione indimenticabile.

Perugia, maxi operazione antidroga: 150 arresti
Un'indagine dei carabinieri ha smantellato una insospettabile organizzazione di trafficanti internazionali di droga . In un caso il gruppo aveva utilizzato, come intermediaria, una ragazza che era stata Miss Sud Africa .

Dalle intercettazioni registrate durante gli accertamenti sembra inoltre che tra i fornitori africani e gli importatori europei si annoverassero, quali ulteriori intermediari, appartenenti alle forze di polizia dei Paesi africani e dipendenti delle dogane africani che, al soldo dei trafficanti, facilitavano il passaggio dei corrieri ai varchi aeroportuali, o fornivano visti d'ingresso falsi. L'eroina veniva pagata tra i 30mila e i 40mila euro al chilo all'ingrosso, attraverso circuiti internazionali di money transfer e accrediti su carte PostePay.

Sia i capi che i loro gregari utilizzavano numerosi e diversi sistemi di comunicazioni per eludere le investigazioni tramite la sostituzione di schede telefoniche intestate a soggetti inesistenti o estranei all'indagini, posta elettronica con provider esteri, Call Center, Internet Point e software di messaggistica istantanea Skype.

I contenuti delle conversazioni captate, che avvenivano attraverso un linguaggio criptico e convenzionale decodificato dai Carabinieri (lo stupefacente veniva indicato facendo ricorso a termini del tipo "merci", "vestiti", "scarpe" mentre l'espressione "mangiare bene" veniva utilizzata per indicare la capacità del corriere di trasportare ovuli nello stomaco), hanno consentito di appurare e fotografare le modalità con cui gli indagati realizzavano l'illecita attività.

Share