Gaza: raggiunto accordo su cessate il fuoco

Share

Islamic Jihad has killed thousands of civilians around the world & today they are once again targeting Israeli civilians with rockets. "L'occupazione ha accettato le condizioni dettate dalla resistenza", ha affermato.

Un accordo di cessate-il-fuoco è entrato in vigore stamani nella striscia di Gaza. "Un terrorista che provi a colpire cittadini israeliani - aveva aggiunto - non potrà più dormire sonni tranquilli, ovunque si nasconda". A quanto pare si apprestavano a lanciare razzi.

Le sirene hanno poi incominciato a suonare anche nella capitale del paese, Tel Aviv, sulla quale sarebbero stati lanciati altri 40 razzi.

Il ritorno dei reali pubblicizzato da Emanuele Filiberto è uno spot
Nel video l'erede di casa Savoia si pone l'obiettivo di " tutelare i cittadini per guardare al futuro con rinnovato ottimismo". Ma più probabilmente è invece un modo per attirare l'attenzione su un nuovo programma tv che vedrà il Principe protagonista.

Gabriel Garko su Instagram fa un’allusione a Gabriele Rossi?
Ma Barbara non si arrende e lo incalza: "Sei innamorato? L'altra persona comunque non si è tolta la fede". Devo ancora capire che cos'è l'amore, anche se ho 47 anni ancora me lo domando.

Fiorentina, che disfatta a Cagliari: i viola perdono 5-2
Oltre a Simeone , sono andati in gol Joao Pedro , Fabio Pisacane , Radja Nainggolan (autore anche di tre assist) e Rog . Le due reti di Vlahović non bastano poi a cancellare l'immagine della peggiore Fiorentina della stagione.

L'esercito israeliano ha confermato la fine dell'operazione 'Cintura nera' di questi giorni affermando di aver raggiunto gli obiettivi con un duro colpo alla Jihad, e facendo sapere che ora il focus sarà rivolto al nord alle minacce degli alleati dell'Iran.

Israel Defence Force ha dichiarato di aver effettuato uno bombardamento mirato contro l'edificio in cui si trovava Baha Abu al-Ata nella zona di Shejaiya nella città di Gaza. Per il governo israeliano era lui il principale responsabile del lancio di razzi verso Israele lo scorso maggio. Il secondo attacco, invece, compiuto quasi in contemporanea, è stato diretto a un altro importante membro della Jihad Islamica, Akram al Ajouri. Questa mattina il portavoce della Jihad Islamica, Musab al-Buraim, ha annunciato una tregua in seguito all'accettazione da parte israeliana di tutte le loro richieste. Così padre Gabriel Romanelli al Sir sull'entrata in vigore di una tregua concordata tra Israele e Jihad islamica. Di matrice sunnita, avrebbe circa un migliaio di membri attivi.

Israele non ha ancora commentato questo episodio.

Share