Milan, Bonaventura sicuro: "Mi trovo meglio da attaccante esterno"

Condividere

Nove mesi di stop ma il centrocampista sembra in ottima forma, pronto a riprendersi in mano la sua squadra. Per carità, niente da far gridare al miracolo calcistico; Donnarumma non ha dovuto compiere interventi prodigiosi, se non qualche uscita alta sugli inutili e prevedibili cross provenienti dalle corsie laterali, ma almeno si è rivista, seppure in forma opaca, qualche traccia del Napoli che fu. "Avevo un po' di sana rabbia". Serve tempo per fare un lavoro profondo, ma so di non averne.

"A centrocampo serve correre di più, perché si è più nel vivo del gioco in entrambe le fasi di gioco". Il ruolo di esterno, invece, è un po' meno dispendioso dal punto di vista fisico. Anche stasera è confermata la scarsa prolificità dell'attacco guidato da Piatek, che a 11′ dalla fine svirgola un interessante cross rasoterra ricevuto in area di rigore. Fino a questo momento i tifosi hanno incolpato sostanzialmente il presidente e i giocatori, per una stagione partita a stento e che sta continuando in un crescendo difficoltà. "Dobbiamo seguire tutti quello che dice il mister, dobbiamo continuare a credere nelle sue idee e proseguire su questa squadra".

Galliani: "Al Milan trattai Conte e Sarri. Ibra fenomeno ma vorrei Icardi"
Certamente il VAR va migliorato ma era peggio prima quando non c'era la tecnologia: adesso hai più certezze e meno sospetti. Spero che possa riprendersi, ma non è gusto che ex dirigenti sputino nel piatto dove hanno mangiato.

Sardine a Palermo, 4mila in piazza cantano "Bella Ciao"
Stando agli organizzatori si tratterebbe di circa 10.000 presenze radunate in piazza Verdi davanti al Teatro Massimo. Contro questi rigurgiti di violenza serve una risposta che arrivi dall'intera Europa".

Milan, Massara: "Ibra resta una suggestione"
" Siamo molto concentrati, ci rendiamo conto dell'importanza di questa gara perché veniamo da un periodo delicato ". Adesso è penalizzato dalle scelte tattiche di Pioli, che cerca equilibrio, infatti oggi gioca Bonaventura".

E ora Parma-Milan. Una partita da non sbagliare: "Il Tardini è uno stadio difficile - ha sottolineato Bonaventura - e il Parma gioca bene". Son convinto che la prepareremo bene. "Dobbiamo solo fare un piccolo salto in avanti", le parole ai microfonin Sky. "Altrimenti diventa ancora peggio".

Condividere