Napoli, la FIFpro contro De Laurentiis: "Multa ingiustificata e misure arbitrarie"

Share

La FifPro, sindacato mondiale dei calciatori, ha rilasciato un duro comunicato attraverso il suo profilo Twitter ufficiale in cui difende i calciatori del Napoli data la situazione che sta vivendo la società azzurra.

Nutella Biscuits, perché sono introvabili nei supermercati
In poche settimane, il biscotto alla Nutella ha conquistato il 16% del mercato nella sua categoria. Il Centro e il Sud superano il 20% mentre rallenta il Nordest con poco più del 16,6% del totale.

Belen Rodriguez parla di Giulia De Lellis e Andrea Damante!
Belen taglia corto sulla conduttrice: " Mi è simpatica e andiamo anche a cena insieme ". La notizia ritorna perché questo pomeriggio dovevano presentarsi in Tribunale a Latina.

Bullismo, lo straordinario monologo di Tiziano Ferro a "Che tempo che fa"
Non a caso, gli ospiti presenti in studio erano davvero incredibili. Le parole hanno un peso e certe ferite resistono nel tempo . Quelle sono arti delle quali bisogna imparare il mestiere.

"Riteniamo che la decisione del Napoli di vietare ai giocatori di tornare a casa dalle proprie famiglie, dopo il match con il Salisburgo, fosse ingiustificata", prosegue la nota. Come ogni altro lavorate dipendente, anche il calciatore ha la sua vita privata secondo la difesa, soprattutto in considerezione di un calendario ricco d'impegni, che trattiene lontano dai propri affetti, spesso per molto tempo, i professionisti del pallone. I motivi che il Napoli indica per le multe, per il rifiuto dei giocatori di accettare disposizioni irragionevoli del club, contraddicono le indicazioni del contratto collettivo. I giocatori del Napoli non possono essere soggetti a decisioni arbitrarie di una società delusa quando il risultato di una partita è stato insoddisfacente. I problemi tecnici non sono responsabilità dei dirigenti del club e supportiamo Ancelotti e i giocatori che sono rimasti uniti in questi evidenti momenti di difficoltà. "Fifpro e Assocalciatori lavoreranno insieme per garantire che i calciatori non siano sottoposti ad abusi da parte del club di Serie A".

Share