Davide Paulis trascina l'Italbasket con sindrome di down al secondo titolo mondiale

Condividere

La Nazionale italiana di basket con sindrome di Down si conferma campione del mondo. Nella seconda e nella terza frazione di gioco, ogni match si svolge su tre tempi da 12 minuti ciascuno, c'è stato prima il devastante allungo del Portogallo, arrivato a condurre per 5-1, e poi il tentativo di rimonta degli azzurri di Del Duca, fermatosi sul 6-4. L'Italia apre le marcature con Zurlo (10 gol nel Mondiale), ma viene raggiunta dal calcio piazzato di Leo Martins con la complicità di un Del Mestre non perfetto: a questo punto tutti si aspettano che gli azzurri vadano nuovamente all'assalto, e invece l'Italia sente il colpo e s'innervosisce.

È finito ad Asuncion, in Paraguay, il sogno mondiale della Nazionale italiana di beach soccer che, ieri sera, ha perso la massima competizione organizzata dalla Fifa proprio all'ultimo, in finale col Portogallo. Il successo sulla Russia (8-7 dopo un tempo supplementare, con triplette di Gori e Ramacciotti) porta gli azzurri alla seconda finale mondiale della storia. Un risultato straordinario per l'Italia, arrivata a giocarsi il titolo mondiale soltanto una volta. D'altro canto, ce lo si poteva aspettare, in quanto ai quarti di finale ha eliminato i campioni in carica del Brasile, vincendo per quattro reti a tre. L'avversario è il Portogallo, che ha superato il Giappone ai rigori.

Caso Mes, Salvini prepare un esposto per Conte. Il premier: "Lo querelo"
Io mi aspetto che le legittime critiche del nostro alleato non portino a provocare una crisi di credibilità per il Paese. Difficile anche ottenere un congelamento della riforma del Mes , come ipotizzato nelle ultime ore da media e politica .

Nutella Biscuits, perché sono introvabili nei supermercati
In poche settimane, il biscotto alla Nutella ha conquistato il 16% del mercato nella sua categoria. Il Centro e il Sud superano il 20% mentre rallenta il Nordest con poco più del 16,6% del totale.

Allarme sul London Bridge
Ed è forse in quel momento che si accorgono del pericolo più grande: l'assalitore indossa un giubbotto esplosivo. Si sono uditi colpi d'arma da fuoco e testimoni hanno parlato di un uomo che si aggirava armato di coltello .

Centrocampisti: 2 Josep Junior Gentilin, 3 Marcello Percia Montani, 5 Alessio Frainetti, 6 Simone Marinai, 11 Paolo Palmacci.

Condividere