Lazio-Juventus, Inzaghi: "Scudetto? Siamo felici ma manteniamo equilibrio"

Condividere

La Lazio batte 3-1 la Juventus all'Olimpico. A nulla serve il gol di Ronaldo che apre la partita.

Cosa significa questa vittoria? "Siamo stati bravi, concentrati e presenti".

Si può alzare l'asticella?

"Io sono convinto di questa squadra". Siamo ambiziosi e guardiamo avanti sapendo che il calcio è questo.

Koulibaly recupera ma andrà in campo con una protezione
Tra i convocati non ci sono Allan e Milik che resteranno in sede per continuare i rispettivi allenamenti differenziati. Questa mattina, Koulibaly si è allenato in gruppo agli ordini di Carlo Ancelotti .

Marotta: "Non mi aspettavo effetti così immediati da Conte. Scudetto? Juve favorita"
"E comunque non mi aspettavo che l'effetto di Conte fosse così immediato". Fautore di questa decisione è stato senza ombra di dubbio Beppe Marotta .

Europei 2020, l'Italia pesca Turchia, Svizzera e Galles
Stiamo facendo le cose per bene, ma dobbiamo lavorare e migliorare ancora tanto da qui all'inizio degli Europei . Olanda, Ucraina, Austria, qualificata play-off Gruppo D (LONDRA E GLASGOW) Inghilterra.

Inzaghi era stato accostato ai bianconeri in estate: "Fa piacere sentire voci come queste, dopo la vittoria in Coppa Italia avevo avuto bisogno di riflettere ma non ho parlato con nessuno, nella mia mente c'era solo la Lazio". Quando perdevamo il presidente ci è stato vicino. "Ero tranquillo. Anche prima dell'espulsione di Cudrado ero sereno". Forse c'era un'altro rigore qualche minuto dopo, quello di Bonucci era fallo. "In superiorità comunque non abbiamo rischiato". "Giusto godersi questo successo ma dobbiamo già guardare a giovedì". Ho cambiato Immobile con Cataldi alzando Milinkovic. Non vedevo l'ora di mettere Caicedo, avrei sperato che segnasse in questa partita. "Tuo figlio ha tutto per diventare un portiere importante".

"Obiettivo? Guardiamo avanti consapevoli che stiamo facendo grandi cose". I ragazzi mi regalano notti simili da anni, ora godiamoci la serata mantenendo i piedi per terra perché i giudizi nel calcio cambiano in fretta. Bisogna credere nelle proprie idee, ai miei giocatori ho detto di stare tranquilli quando c'erano le prestazioni ma non i risultati.

Sottolinea le critiche ricevute. Io ascolto, mi informo, cerco di capire da dove arrivano le critiche. Classifica? Noi dobbiamo essere ambiziosi sapendo che ci sono squadre che non mollano, delle corazzate. "Ci sono dei momenti in cui la squadra avversaria ti costringe ad essere un po' guardinga, bisognava stare concentrati, era quello che avevo chiesto ai ragazzi alla vigilia".

Condividere