Bollette, ARERA: da gennaio netto calo per l’elettricità

Condividere

"Il forte calo del fabbisogno per gli oneri generali, il contenimento delle tariffe regolate di rete e le basse quotazioni delle materie prime nei mercati all'ingrosso portano", annuncia l'Autorità per l'Energia, per il primo trimestre 2020 "ad una riduzione del -5,4% per l'elettricità e ad un leggero aggiustamento per il gas, +0,8% per la 'famiglia tipo in tutela'".

Ma per quale motivo i costi per l'energia elettrica sono in calo, mentre quelli per il gas naturale sono in lieve crescita? Sempre in base alle stime dell'Arera, al lordo delle tasse, nel periodo compreso tra il primo aprile 2019 e il 31 marzo 2020, il costo sarà pari a 544,2 euro.

(Teleborsa) - Inizia con una buona notizia il nuovo anno. Per quanto riguarda la bolletta del gas la spesa sarà di circa 1.040 euro, con una variazione del -9,5% rispetto all'anno precedente, un risparmio di circa 109 euro in un anno. Complessivamente quindi il risparmio complessivo per la famiglia tipo per le voci elettricità e gas è di circa 125 euro all'anno. Il completamento di questa riforma permette di rimuovere la penalizzazione alla diffusione di tecnologie più efficienti come le pompe di calore, le piastre a induzione e i veicoli elettrici. I dati riguardano una famiglia tipo in tutela.

Basket: Natale a canestro a Bologna, ritorna il derby in A
Bene anche Hunter che ha firmato 15 punti e 6 palle recuperate. "Ringrazio i tifosi per il supporto". Voglio sottolineare la partita quasi perfetta di Weems che aspettava questo derby da molto tempo.

Inter e Juventus duellano con Real e United per Eriksen
I dirigenti bianconeri sono da sempre molto attenti agli affari e Christian Eriksen è un affare d'oro. Boxing Day felice per José Mourinho , visto il successo del suo Tottenham in rimonta sul Brighton .

Vidal, ora non voglio pensare al mio futuro
Non sono io che decido se giocare o no, lo fa l'allenatore, però la gente vede e questo mi permette di rimanere tranquillo.

Il testo del Milleproroghe ha ripreso anche dal sub-emendamento Pirro il termine di 90 giorni per l'adozione del decreto ministeriale che dovrà fissare criteri e requisiti per l'iscrizione nell'albo dei venditori e del decreto che dovrà stabilire (neretti nostri) "le modalità ed i criteri dell'ingresso consapevole nel mercato dei clienti finali tenendo altresì conto della necessità di concorrenza, pluralità dei fornitori e di offerte nel libero mercato". Restano stabili, invece, le tariffe regolate di rete: si arriva così al -5,4% finale per l'utente tipo in maggior tutela.

Per il gas naturale l'andamento è sostanzialmente determinato da un leggero aumento della spesa per la materia prima (+1,3% sulla spesa della famiglia tipo), legata principalmente alle quotazioni attese nei mercati all'ingrosso nel prossimo trimestre invernale, controbilanciato da un calo delle tariffe regolate di trasporto e distribuzione (-0,4%), reso possibile dalla revisione delle regole tariffarie di periodo e da un leggero calo anche per gli oneri generali (-0,1%).

"I dati odierni confermano la correttezza delle scelte operate in passato". Nella produzione di energia si usa prevalentemente il gas per le centrali a ciclo combinato, ma non solo. Lo afferma l'associazione, commentando l'aggiornamento trimestrale delle tariffe deciso oggi da Arera.

Condividere