Massimo Giletti, grave lutto: è morto il padre Emilio, noto imprenditore biellese

Share

Il 2020 di Massimo Giletti inizia con una terribile perdita: è morto il padre, Emilio Giletti. L'imprenditore si è spento nella tarda mattinata di sabato, all'ospedale di Novara, dove era stato ricoverato d'urgenza negli ultimi giorni del 2019.

Grave lutto per il noto conduttore Massimo Giletti. Era titolare dell'omonima azienda tessile - la Giletti S.p.A. - produttrice di filato a Ponzone Trivero, nel Biellese. Più di un secolo fa, ad opera di Anselmo Giletti, nell'alta Valessera, ha preso il via quella che diventerà l'attuale azienda: una struttura che negli anni si è sviluppata fino a raggiungere gli oltre 36 mila metri quadrati di superficie.

Trump elimina Soleimani. La guerra con l'Iran sta per iniziare?
Il primo ministro iracheno Adel Abdul-Mahdi ha definito la mossa americana come "un'aggressione contro l'Iraq ". Dobbiamo anche rafforzare la nostra posizione in Iraq e mantenere la nostra presenza di coalizione.

Giulia De Lellis derubata: "Mi hanno lasciata in mutande"
A te bastardo, che sei un depresso, disperato, dimenticato dalla vita e dall'amore , almeno tratta bene le mie scarpe. Eviterò di condividere con voi dove mi trovo, quando mi sposto da una parte all'altra.

Kulusevski ha preferito la Juventus all'Inter: dietro la scelta questioni tattiche
Sembrava essere a un passo dall'Inter e invece Dejan Kulusevski potrebbe vestire presto la maglia della Juve . E la sponda del diretto interessato, alla fine, ha fatto differenza.

È proprio qui che avrebbe lavorato per diverso tempo anche il conduttore di Non è l'Arena, prima di avviarsi alla fortunata carriera televisiva. Forte il legame tra Emilio Giletti e il suo territorio.

Il connubio tra sport, azienda e radici piemontesi (la Giletti venne fondata infatti a Ponzone in provincia di Alessandria) contribui alla partecipazione della società alla sponsorizzazione del palazzetto dello sport di Ponzone, inaugurato con il nome di PalaGiletti il 21 ottobre del 2017. L'uomo era a Trivero nel 1929 e lascia un grande vuoto nella sua famiglia. La sua camera ardente potrebbe svolgersi già da domani all'interno della sua azienda.

Share