Morto Italo Moretti, storico volto del Tg3: raccontò il golpe di Pinochet

Condividere

Il giornalista Italo Moretti, famoso inviato della Rai in Sud America, è morto stamane a Roma all'età di 86 anni. Nel 1966 approdò in Rai in Umbria per poi trasferirsi a Roma per lavorare come radiocronista del Giornale Radio per le sezioni sport, cronaca, politica interna e politica estera. Moretti è stato un protagonista del servizio pubblico radiotelevisivo: inviato e direttore di testate e TG, dal TG2 al Tg3.

I suoi esordi nel mondo del giornalismo nell'immediato secondo dopoguerra, quando a 17 anni inizia a scrivere come corrispondente di cronaca locale. Da Cile, Argentina e Urugua, ha raccontato i regimi golpisti e autoritari di quei paesi, documentando la tragedia dei desaparecidos.

F1: Verstappen rinnova con la Red Bull fino al 2023
Qualche ora fa la scuderia di Formula 1 Red Bull ha annunciato il prolungamento del contratto di Max Verstappen fino al 2023. Abbiamo iniziato questo viaggio insieme, il team mi ha supportato sin dal primo giorno.

CIES: Mbappé il giocatore più costoso, in Serie A è Lautaro Martinez
Il francese del PSG , il cui prezzo è stato stimato in 265 milioni, precede Sterling (223,7 milioni) e Salah (175) sul podio. Tra i più costosi della Serie A anche De Ligt 80.1 milioni e Bentancur con 69.7 milioni.

Genoa-Sassuolo, De Zerbi: "Il rigore contro di noi è scandaloso"
Partita pazza al Ferraris, con il Sassuolo che si ritrova sconfitto proprio quando pensava di poter vincere la partita. Il rigore concesso al Genoa è scandaloso e il fallo non fischiato su Berardi c'era.

Nel 1976 Italo Moretti entrò nella redazione del Tg2 continuando dedicandosi in particolare al Sud America e alla politica di Portogallo e Spagna. Dal '96 al '98 fu condirettore della Tgr, la testata che raccoglie i telegiornali regionali. Era stato in assoluto tra i primi giornalisti a recarsi a Santiago, nel 1973, dopo il colpo di stato di Pinochet. Italo Moretti ha lavorato per tutta la sua vita come giornalista d'inchiesta, contribuendo a squarciare veli e depistaggi su vicende che hanno segnato la storia del Paese, come il caso Ilaria Alpi e Miran Hrovatin. Nel 1987 fu nominato vide-direttore del Tg3 di cui diventò poi direttore nel 1995. Italo Moretti ha lasciato un segno indelebile nell'informazione italiana. Anni dopo, al ritorno della democrazia, fu insignito dell'onorificenza dell'Ordine di Maggio dal Presidente argentino Raúl Ricardo Alfonsín e dall'Ordine di Bernardo O'Higgins dal presidente cileno Eduardo Frei Ruiz-Tagle. Tra i tanti riconoscimenti ricevuti la Colomba d'Oro per la pace, il Microfono d'Argento, il Premiolino, il Premio Scarfoglio. Nel 2001 e' stato iscritto nell'Albo d'Oro del Comune di Perugia.

Condividere