È morto il sultano omanita Qaboos

Share

In Oman resta da chiarire la successione al potere dopo la morte del sultano Qaboos bin Said al-Said, annunciata nella notte di venerdì su sabato dal Palazzo reale. La corte reale ha dichiarato tre giorni di lutto nazionale.

Qaboos era il sovrano più longevo del mondo arabo. Qaboos ha preso posto del padre con un golpe nel 1970, tentando da allora di allacciare relazioni con gli alleati occidentali. Tra i papabili successori ci sono Assad bin Tariq al-Said, cugino del sultano e vice primo ministro con delega alla Cooperazione internazionale, Haitham bin Tariq al-Said, fratellastro di Assad e ministro della Cultura, e Shihab bin Tariq, ex capo della Marina.

Zarif, legittima difesa contro gli Usa
Ha detto che l'Iran "si sta abbassando", presumibilmente riportando le sue forze missilistiche schierate alle loro basi. Quanto agli sviluppi futuri: "Tutte le opzioni restano sul tavolo per contrastare la minaccia dell'Iran".

L’Iraq in crisi dopo l’assassinio di Soleimani - Pierre Haski
Trump intanto si è detto "pronto alla pace con tutti quelli che la desiderano". A Erbil , in particolare, si trova anche il contingente italiano .

Piccole donne: nella nuova clip il matrimonio è una questione economica
Fu l'editore a costringere la Alcott a far sì che Jo fosse realizzata sia come scrittrice sia come moglie. Il tutto avviene però in un periodo storico particolare.

Nato a Muscat nel 1954, Haitham bin Tariq Al Said è stato ministro della Cultura dalla metà degli anni '90. In base a quanto prevede lo statuto omanita, il sultano deve essere "musulmano, maturo, razionale e figlio legittimo di genitori musulmani omaniti".

Share