Ha raccontato la malattia sui social, muore Max Conteddu

Condividere

Il ragazzo sardo, autore anche del libro "Le cinque chiavi", dopo la drammatica scoperta del tumore al cervello, aveva deciso di condividere tutto coi suoi followers: le lacrime, il dolore, ma soprattutto la voglia di continuare a vivere e di combattere quel male che lo affliggeva.

Con una serie di cuori ed uno zero finale, a testimoniare un metaforico conto alla rovescia, Max Conteddu si congeda dai social. Nel suo ultimo post una frase: "Tenete in tasca un po' di sole. Ne avrete bisogno quando farà buio nella vostra vita", accompagnate all'ennesima foto del suo viso deturpato dalle cure.

Elvira Serra  Twitter
Elvira Serra Twitter

In seguito, passato qualche giorno, aveva rivolto un invito i suoi seguaci: "Fate, dite, scrivete cose belle, ne abbiamo tutti bisogno". Ma io gli occhi li avevo aperti già prima di questo intruso.

Queste erano le poche parole con cui Massimiliano Conteddu si presentava ai lettori di Eurogamer.it quando tra il 2014 e il 2015 scriveva sulle nostre pagine unendo due delle sue più grandi passioni: i videogiochi e la scrittura. Non una guerra la sua, naturalmente, contro la conduttrice delle Iene, alla quale ha comunque tributato l'appellativo di "guerriera", ma un modo per farci intendere come una stessa tragedia può essere vissuta in maniera diversa da persone diverse; anche se si sa che la fine è uguale, per tutti, anche per chi è più fortunato e quella tragedia la vive accanto ad un letto e non dentro.

Manchester City fuori da Champions per 2 anni
Ha poi aggiunto che spera che possa arrivare alla Juventus , perché sarebbe un valore aggiunto. Il Manchester City ha sempre negato l'autenticità di quelle email.

Caso Manchester City, vicepresidente Uefa: "Le regole vanno rispettate"
Può vincere lo Scudetto? "Ieri ho visto la partita tra Lazio e Inter , seguo la serie A da grande appassionato". Chi ha investito in infrastrutture in passato adesso è avvantaggiato.

Air Italy, in arrivo lettere licenziamento per i 1450 dipendenti
La compagnia non è interessata agli slot sardi lasciati eventualmente vuoti: "Non riconosciamo nessuno slot di valore". Tutti i biglietti Air Italy per voli con andata e ritorno dopo il giorno 25 febbraio 2020 saranno rimborsati.

Condividere