Cellino: "Campionato andato. Dobbiamo pensare solo a sopravvivere"

Condividere

Ci sono tifosi che portano l'ossigeno negli ospedali, altri che piangono i loro morti, altri ancora intubati.

Domenica In | Mara Venier torna in diretta su Rai 1: l’annuncio
La conduttrice quando non è nel centro Fabrizio Frizzi di Roma per Domenica In si diletta in cucina a preparare delle pietanze. Per questo motivo la sua dolce metà l'ha fotografata e poi filmata postando tutto sul social network.

Elena Santarelli in lacrime a L’Intervista: "Non si può dimenticare"
La terribile diagnosi che i medici hanno riscontrato al figlio è stata devastante sotto tanti punti di vista. Santarelli: " Sì mi sento una privilegiata, non in colpa ma mi sento una privilegiata ".

"Troppa gente in giro": Fontana chiederà a Conte di inasprire le restrizioni
Lo dico in modo educato, ma se si continua così, si dovrà cambiare il tono. I numeri del contagio non si riducono, sono ancora alti". Per questo è fondamentale che tutti stiano a casa".

Non si può più giocare, si pensi al prossimo campionato. Penso già alla prossima stagione e non a questa. Qualcuno non si rende ancora conto di quello che sta accadendo, e quel qualcuno è peggio. Resettiamo". Non manca, infine, una battuta nei confronti del presidente Lotito, convinto nel proseguire il campionato per poter provare, fino alla fine, ad aggiudicarsi il titolo di 'Campione d'Italia': "Lotito vuole lo Scudetto? . La stagione è andata e non lo dico perché siamo ultimi in classifica, ce lo meritiamo. È il modo più semplice per ripartire. Ha genitori, parenti, amici, conoscenti che muoiono ogni giorno eppure soffre terribilmente ma in silenzio. Altri sono i numeri, non quelli ufficiali, altre le dimensioni. Facciano quello che vogliono. Mi chiedo per quale motivo si sia mossa l'Associazione allenatori. Sono tutte persone a libro paga, professionisti. Ho Lopez, l'allenatore, chiuso in casa da giorni, una casa che è poco più grande di una vasca da bagno. Chiara, chiarissima la posizione di Massimo Cellino, presidente del Brescia, che dopo le varie riunioni di questa settimana per decidere il futuro del campionato di Serie A (e non solo) ha rilasciato un'intervista al Corriere dello Sport: "La coppa, lo scudetto..." Per farlo ci servivano preparatori, non allenatori, che infatti ho chiamato (Corini e Grosso, ndr).

Condividere