Coronavirus, Russia: pronti nove aerei con aiuti per Italia

Condividere

Sono in arrivo 9 veicoli IL-76 che a breve decolleranno per portare nella nostra penisola medici volontari. Lo ha annunciato oggi definitivamente il presidente russo Vladimir Putin al premier Giuseppe Conte e questo annuncio viene riportato anche da una nota del ministero della Difesa russo. Il trasporto avverrà con mezzi militari messi a disposizione dalla Repubblica Russa dal 22 marzo. L'accordo è stato poi messo a punto dai due ministri della Difesa, Serghei Shoigu e Lorenzo Guerini, nella tarda serata di sabato. L'Italia, si legge, ha confermato la disponibilità ad accettare gli aerei militari russi. Nello specifico, "è prevista la fornitura di dispositivi di protezione, complessi mobili basati su Kamaz per la disinfezione con aerosol dei trasporti e del territorio, attrezzature mediche e di altro tipo, nonché l'invio di squadre di esperti russi per assistenza pratica nelle aree più colpite del paese".

Terremoto nella notte in Grecia, scossa avvertita a Barletta
In moltissimi si sono rifugiati nelle loro auto, ma altrettanti sono rimasti in casa per paura di contagio da Covid-19. Una scossa di 5.4 gradi di magnitudo ha infatti colpito nella mattinata la capitale croata, provocando ingenti danni.

Coronavirus, Gallera: 4.672 casi in provincia Milano, +868 casi
I numeri relativi al contagio continuano a crescere senza sosta mettendo in seria difficoltà il sistema sanitario. Le persone ricoverate sono 8258 (523 in più), i pazienti in terapia intensiva 1093.

Coronavirus, la situazione nelle Marche
Nella giornata di sabato 14 marzo si sono purtroppo registrati altri 10 nuovi decessi: si tratta di 8 uomini e 2 donne. Nella giorna di sabato purtroppo sono morte altre dieci persone, un numero che diventa sempre più allarmante.

"Una task force di 100 persone è pronta al decollo, tra di essi ci sono anche degli specialisti in virologia ed epidemiologia del Ministero della difesa, che hanno già avuto esperienza a livello internazionale nella lotta alle epidemie".

Condividere