Gasperini "Col Psg è dura ma c’è fiducia di poter fare bene"

Condividere

"Il Paris Saint Germain é una grande squadra con grandi giocatori, in Francia domina da anni, nelle coppe nazionali e in campionato. Perdere così lascia molto rammarico, ma dobbiamo essere felici perché contro una squadra straordinaria con talenti fra i più importanti nel calcio abbiamo fatto una grande partita". Gian Piero Gasperini è consapevole della responsabilita' dell'Atalanta, unica italiana nella Final Eight di Lisbona. "Ormai ci siamo - confessa ai microfoni di Sky Sport - Man mano che si avvicina la partita c'é maggiore adrenalina".

Esclusiva: Rodriguez, accordo totale Milan-Toro. Pronto un quadriennale
Nella serata di ieri si è svolto un incontro tra il ds granata Vagnati e quello rossonero Massara. Il Torino , su richiesta di Giampaolo lo vuole ed è in continuo pressing per lo svizzero.

L'incidente a Castelmagno in cui sono morti cinque ragazzi
Il mezzo è finito fuori strada - forse per una manovra sbagliata o per una distrazione - finendo in un precipizio . I ragazzi avevano trascorso la serata all'Alpe Chastlar , a guardar le stelle .

Genoa, offerta per l'acquisto della società (fonte ANSA)
Mi è stata preannunciata l'offerta e la notizia è stata subito resa pubblica, ancor prima che io potessi fare una valutazione. Secondo quanto riportato dall'Ansa, una cordata italiana ha formalizzato una offerta di acquisto per il club rossoblù.

"Tutta l'Italia tifera' per noi?" Grandi appassionati di mitologia greca, gli studenti decidono di dare alla neonata società il nome di Atalanta, figura per l'appunto della mitologia greca, figlia di Iaso e Climene, non ben voluta dal padre che avrebbe desiderato un figlio maschio per insegnarle le arti della caccia, e così viene infatti cresciuta dove diventa una provetta cacciatrice nonchè un talento ineguagliabile nella corsa: l'associazione non fu scelta a caso, visto che le intenzioni erano proprio quelle di rappresentare una compagine calcistica forte, veloce e "ribelle". Dietro ci portiamo anche tante emozioni e tante motivazioni, in campo contano tecnica, qualitá, ma ci potranno comunque essere utili. Detto che non esclude sorprese nel Psg ("Penso che Mbappé e Verratti abbiano delle chance"), il tecnico nerazzurro ritiene che a livello di condizione "non c'é grandissima differenza. Non ci saranno vantaggi particolari per nessuno".

Condividere