Ue-19: calo record Pil -12,1% nel secondo trimestre

Condividere

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Roma, 14 ago - Il numero degli occupati si riduce nel secondo trimestre del 2,8% nell'Eurozona e del 2,6% nell'Ue. In calo del 12,2% le importazioni, pari a 149,1 mld. Considerato che nel primo trimestre è stata registrata una contrazione (-3,6% nell'Eurozona e -3,2% nell'Ue), l'Europa è ufficialmente in recessione.

Coronavirus, il bollettino della città di Napoli: da venerdì 24 nuovi contagi
Salgono a 13.263 i casi attuali di coronavirus nel Paese, +310 rispetto al giorno precedente. Il numero di casi totali in Italia dall'inizio dell'epidemia sale a 250.825.

Coronavirus, Usa superano i 5 milioni di casi
Il bilancio complessivo è di 4.997.929 infezioni, il dato più alto del mondo . Gli Stati Uniti hanno superato i 5 milioni di casi di coronavirus .

MERCATO, Matuidi verso addio a Juve, va negli States
Nonostante il nazionale francese abbia rinnovato con i bianconeri fino al giugno del 2021 il suo addio sembra ormai scontato. I dirigenti, Paratici e Cherubini, sono chiamati a risolvere i contratti dei calciatori in uscita.

Il prodotto interno lordo (Pil) dell'Eurozona ha evidenziato nel secondo trimestre del 2020 un crollo del 12,1% rispetto ai tre mesi prima, secondo la stima preliminare che conferma la prima lettura da parte dell'Eurostat, l'ufficio di statistica dell'Unione europea. In entrambi i casi si tratta dei cali più forti dall'inizio delle serie storiche, nel 1995. Nel primo trimestre del 2020, l'occupazione era diminuita dello 0,2% nell'area dell'euro e dello 0,1% nell'Ue. Lo comunica Eurostat nella sua stima flash. Rispetto al secondo trimestre del 2019, l'occupazione ha diminuito del 2,9% nella zona euro e del 2,7% nell'Ue dopo +0,4% nelle due aree nel primo trimestre del 2020.

Condividere