Papa Francesco, le frontiere devo essere finestre per vedere i volti

Condividere

È anche lo spirito che ha messo insieme noi sindaci di frontiera - ha proseguito Martello - perché spesso ci troviamo di fronte a problemi epocali che non possono essere affrontati in solitudine.

Così ha definito Papa Francesco il progetto europeo "Snapshots from the Borders" Voci ed esperienze dai confini nella udienza ai partecipanti guidati dal Sindaco di Lampedusa e Linosa. "La comunità internazionale si è fermata agli interventi militari, mentre dovrebbe costruire istituzioni che garantiscano uguali opportunità e luoghi nei quali i cittadini abbiano la possibilità di farsi carico del bene comune".

Papa Francesco
Papa Francesco

"Certo, l'accoglienza e una dignitosa integrazione sono tappe di un processo non facile; tuttavia, è impensabile poterlo affrontare innalzando muri". L'attuale pandemia ha evidenziato la nostra interdipendenza: siamo tutti legati, gli uni agli altri, sia nel male che nel bene.

"Il vostro è un progetto lungimirante", ha esordito Francesco, in quanto "si propone di promuovere una comprensione più profonda della migrazione, che permetta alle società europee di dare una risposta più umana e coordinata alle sfide delle migrazioni contemporanee".

Читайте также: Palermo: Martinelli non può proseguire l'attività agonistica

"Lo scenario migratorio attuale è complesso e spesso presenta risvolti drammatici". "In una società sempre più sconvolta da grandi sfide che interpellano l'uomo contemporaneo - ha detto -, voi studenti e insegnanti, che in questi giorni siete tornati a scuola, siate i veri artefici del futuro".

"Intendiamo organizzare a Lampedusa - ha rivelato il sindaco - una conferenza internazionale sulla Pace nel Mediterraneo, per proporre un nuovo approccio al tema dei flussi migratori".

При любом использовании материалов сайта и дочерних проектов, гиперссылка на обязательна.
«» 2007 - 2021 Copyright.
Автоматизированное извлечение информации сайта запрещено.

Al termine dell'udienza generale di questa mattina, 9 settembre, la seconda nel cortile di San Damaso, salutando i fedeli in lingua araba, il Papa ha rivolto il suo pensiero ai ragazzi tornati in questi giorni sui banchi di scuola. "È anche fondamentale - ha aggiunto il Santo Padre - cambiare il modo di vedere e raccontare la migrazione: si tratta di mettere al centro le persone, i volti, le storie". E quando dico "nuovo umanesimo" non lo intendo solo come filosofia di vita, ma anche come una spiritualità e uno stile di comportamento.

Код для вставки в блог

Condividere