Parigi, accoltellamento vicino a Charlie Hebdo, luogo dell'attentato del 2015

Condividere

L'inchiesta è stata affidata alla Procura antiterrorismo.

Due persone sono in fuga a Parigi, nella zona della Bastiglia, dopo aver attaccato dei passanti con un coltello o un machete, stando ai testimoni.

Sulla scena dell'attacco anche un pacco sospetto - Sul luogo dell'attacco, nella rue Nicolas Appert, è stato avvistato anche un pacco sospetto, secondo quanto si apprende dalla polizia. Se ne ignora il contenuto, sono al lavoro gli artificieri. I due feriti stavano facendo una "pausa sigaretta" dinanzi alla sede quando sono stati attaccati. I giornalisti di Première ligne furono i primi a diffondere, dopo l'attentato a Charlie Hebdo, le immagini dei due killer, i fratelli Kouachi, in fuga dopo la strage.

Castex ha preso la parola sul luogo dell'attacco al fianco del ministro dell'Interno, Gérald Darmanin, e della sindaca di Parigi, Anne Hidalgo, un "luogo simbolico e nel momento stesso in cui si celebra" il processo degli attentati del gennaio 2015, tra cui quello al giornale satirico nuovamente oggetto di recenti minacce da parte di al Qaida.

Coronavirus, oltre 970mila morti nel mondo, gli Usa superano i 200mila
Ieri il Ministero della Sanità ha segnalato 2.917 nuovi casi confermati, per un totale di 700.580. Il maggior numero di persone con diagnosi di coronavirus si trova a Bogotà con 254.276 casi .

Alessia Marcuzzi prima di Temptation Island: "Siamo pronti"
Ad attenderli Alessia Marcuzzi , che non vede l'ora di intraprendere la nuova avventura insieme ai concorrenti del suo programma. Questa esperienza mi ha insegnato che, quando ci sono momenti difficili e problemi in una coppia , vanno affrontati, non evitati.

La Juventus riabbraccia Alvaro Morata
Alla Juve è diverso, mi è mancato, sono stato in tantissimi posti e mi hanno trattato bene ma qua è una roba diversa. Penso a mettermi a disposizione della squadra e - conclude - sono molto contento".

"Attacco all'arma bianca nei pressi della ex redazione di Charlie Hebdo". Secondo fonti provenienti da Premières Lignes non si tratterebbe di giornalisti, ma di due dipendenti che lavorano alla produzione e alla post-produzione. "Aggressore in fuga. Caccia all'uomo in corso".

Una persona, secondo i media francesi, è stata fermata poco lontano (aveva macchie di sangue sui vestiti) e, sempre secondo la stampa, un secondo sospettato è finito in manette poco dopo.

Un tweet della polizia invita gli abitanti a tenersi lontani dalla zona di boulevard Richard Lenoir, vicino la ex sede del giornale Charlie Hebdo, sotto la lente mediatica italiana a causa della sua macabra ironia nei confronti del ponte Morandi. Il primo era stato fermato nei pressi dell'Opera Bastille.

Condividere