Vaccino antinfluenzale: "Non ci sono abbastanza dosi per tutti"

Condividere

"Abbiamo comperato l'80% di dosi in più rispetto allo scorso anno e pensiamo di aumentare la percentuale dei vaccinati dal 45% dello scorso anno sino al 75% richiesto dagli standard e persino 80/90% tra i sanitari". Infatti proprio Gallera aveva assicurato di aver acquistato "già 2,4 milioni di vaccini, l'80 percento in più rispetto lo scorso anno", che sarebbero stati offerti "gratuitamente alle categorie più a rischio" e che considerava gli attacchi "inutili e irresponsabili allarmismi che generano solo confusione".

L'annuncio è importante: la scoperta di anticorpi formidabili contro il Coronavirus che a breve potrebbero essere prodotti su larga scala. A differenza delle precedenti stagioni, a queste fasce il vaccino sarà garantito a titolo gratuito.

L'antinfluenzale è fortemente raccomandata anche agli esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie che operano a contatto con i pazienti e gli anziani istituzionalizzati in strutture residenziali o di lungodegenza. ). Una ulteriore ricerca pubblicata dall'International Journal of Infectious Disease (2020) ha verificato che la coinfezione influenza e Covid aggravavail quadro clinico nel suo complesso, soprattutto dal punto di vista cardiaco.

La domanda è altissima, probabilmente mai lo è stata così tanto.

Читайте также: Maneater si evolve con il Ray-Tracing e il 4K su next gen!

Ci sono anche dosi di vaccino disponibili per categorie non a rischio: in Calabria sono 100.273; in Campania 217.252; in Emilia Romagna 9.980; in Friuli Venezia Giulia 5.218; in Lazio 926.291; in Liguria 38.501; nelle Marche 5.022; in Puglia 1.084.634; in Sicilia 256.796; in Sardegna 96.113; in Toscana 225.661; in Veneto 49.712. Questo dato non ha alcun significato, dipende dal numero di tamponi che si fanno.

Questo articolo ha ricevuto commenti! "Siamo già a ottobre" dicono in Federfarma "i cittadini stanno facendo pressioni per averlo, nelle farmacie c'è un boom di prenotazioni". "La campagna di vaccinazione antinfluenzale - conclude Luciano - è una grande occasione per dimostrare ancora una volta il ruolo insostituibile della medicina generale nell'assistenza territoriale". "Medici e ospedali affollati di malati di influenza che temono di aver il Covid, un'economia ulteriormente rallentata da troppi lavoratori ammalati".

Al momento, però, le Regioni hanno ceduto alle farmacie l'1,5% delle dosi acquistate (circa 250.000), prevedendo di ampliare tale dotazione se nel corso della campagna dovessero rendersi disponibili altre dosi. Le ragioni più comuni includono preoccupazioni per gli effetti collaterali del vaccino antinfluenzale (42%) e la convinzione che il vaccino antinfluenzale non sia necessario (40%) o efficace (32%).

При любом использовании материалов сайта и дочерних проектов, гиперссылка на обязательна.
«» 2007 - 2021 Copyright.
Автоматизированное извлечение информации сайта запрещено.

Код для вставки в блог

Condividere