Borsa Italiana cambia ancora padrone. Ceduta per 4,32 miliardi al colosso Euronext

Condividere

Lse ha acquistato Borsa Italiana nel lontano 2007 per 1,6 miliardi creando un super holding allora da 5,8 miliardi di euro e, nel tempo, soprattutto con le intuizioni del francese Xavier Rolet, ceo del London Stock Exchange dal 2009 al 2017, in tandem con Raffaele Jerusalmi (a capo del Capital Market e alla guida della piazza Milanese) l'ha fatta crescere e l'ha valorizzata tanto che, nel caso si fosse stata un'asta competitiva con i gli svizzeri di Six e i tedeschi di Deutsche Boerse, per gli analisti si sarebbe potuti arrivare ad una valorizzazione di 5 miliardi.

E così, Piazza Affari passa al consorzio paneuropeo di cui fanno parte anche Cdp Equity e Intesa Sanpaolo. Londra ha confermato in una nota, diffusa a pochi minuti dall'apertura delle contrattazioni, di aver accettato di vendere l'intera partecipazione in Borsa Italiana a Euronext per un valore patrimoniale di 4,325 miliardi di euro, più un importo aggiuntivo che riflette la generazione di cassa da completare.

Il senso dell'operazione è stato spiegato dalla stessa Via Goito, che in questi ultimi mesi ha dato prova di protagonismo nell'economia italiana, giocando sia d'attacco (l'operazione con Nexi sta lì a dimostrarlo), sia di difesa, come la mossa su Borsa certifica. Per questo il presidente e l'amministratore delegato di Borsa dovrebbero essere italiani e assumere un ruolo importante nella governance del gruppo europeo. Una volta avveratesi le condizioni cui l'operazione è subordinata, Cdp Equity, guidata da Pierpaolo Di Stefano, possiederà il 7,3% del capitale azionario di Euronext, al pari della Caisse des Dépôts et Consignations, omologa di Cdp in Francia. Non appena arrivato il disco verde da Londra ha fatto sapere come "l'operazione è coerente con la mission di Cdp di sostenere le infrastrutture strategiche del Paese con una prospettiva di lungo termine".

L'integrazione di Borsa Italiana all'interno di un unico pool di liquidità paneuropeo aumenterà la liquidità del mercato dei capitali italiano e la visibilità degli emittenti italiani. Il governo ha infatti sempre premuto per riportare Borsa Italiana sotto il controllo italiano, almeno in parte. La Borsa Italiana e le sue controllate diventeranno centrali nel sistema Euronext, nel quale l'Italia rappresenterà il mercato più rilevante, assumendo un ruolo di riferimento a livello continentale.

Elisa Isoardi smentisce i pettegolezzi: la verità sul rapporto con Todaro
Elisa Isoardi e Raimondo Todaro , sta sbocciando un sentimento? "Ho scoperto aspetti della mia personalità che nemmeno sapevo di avere".

Mare Fuori, anticipazioni puntate 14 ottobre: occhi puntati su Filippo e Carmine
Una coproduzione Rai Fiction e Picomedia, Mare Fuori ha debuttato il 23 settembre e va in onda su Rai 2 per sei prime serate. Filippo consegna la lametta alla direttrice, ma Paola non riesce a fargli rivelare da chi voleva difendersi.

Io ti Cercherò: Alessandro Gassmann torna ad indagare su Rai 1
Divorziato da Francesca ( Fiorenza Pieri ), la sua vita cambia ancora quando scopre che il figlio Ettore ( Luigi Fedele ) è morto. Ad ospitarlo è il fratello Gianni , anche lui ex poliziotto, che vive nella periferia della città insieme alla moglie Lisa .

Borsa Italiana, inoltre, è fortemente impegnata nell'attività di promozione delle aziende quotate (con oltre 6.000 incontri con 2.000 investitori organizzati nel 2019) e concorre alla diffusione dell'educazione finanziaria, anche in partnership con intermediari ed altre istituzioni. "L'Italia, inoltre, avrà un ruolo di primo piano sia a livello operativo che di governance".

Inoltre, Borsa Italiana si avvale di SIA come partner tecnologico di riferimento per i servizi relativi al trading e post-trading per MTS e Monte Titoli. L'obiettivo è di terminare tutte le operazioni entro la fine del 2021.

Quando Borsa Italiana entrerà a far parte del gruppo Euronext, e in seguito a "un processo di consultazione tra Euronext e Cdp Equity", due italiani entreranno a far parte del Supervisory Board del gruppo. Tutte le nomine rimarranno soggette alle approvazioni societarie e regolamentari obbligatorie per legge. Consob sarà invitata ad entrare a far parte del Collegio dei Regolatori, l'organo di vigilanza sul gruppo Euronext.

Condividere