Stop anche al vaccino Johnson&Johnson. Effetti collaterali per un volontario

Condividere

E' davvero complicato portare a termine la produzione di un vaccino date le molteplici analisi che vengono fatte ai volontari, per questo al mondo ci sono oltre 100 vaccini allo studio e quelli in fase più avanzata sono attualmente 11. L' Unione Europea ha opzionato questo vaccino con un accordo per 200 milioni di dosi.

Nel frattempo, il capo dell'azienda che sviluppa il vaccino di Oxford, il professor Pollard, ha avvertito che sarà necessario seguire "misure severe" anche se dovesse arrivare il vaccino "efficace", considerando anche che il primo lotto inizialmente sarà disponibile solo per gli operatori sanitari in prima linea contro il Covid.

Il confezionamento è ad Anagni, nello stabilimento Sanofi. L'obiettivo è averne a disposizione un quantitativo importante in caso di successo, vista la straordinarietà dell'emergenza. La fase 3, che segue la 1 e la 2, è infatti lo stadio più avanzato: ai test partecipa un più ampio numero di persone, rispetto alle prime due fasi.

L'Ema ha avviato la rolling review anche per il vaccino prodotto dalla BioNTech e Pfizer, il BNT162b2.

Curva in risalita e lockdown, Conte annuncia la decisione: "Solo circoscritti"
Sullo sport viene confermato lo stop al calcetto e allo sport di contatto svolto a livello amatoriale . E' previsto anche il divieto di somministrazione di bevande e cibi all'aperto sempre dopo le 21.

Mare Fuori, anticipazioni puntate 14 ottobre: occhi puntati su Filippo e Carmine
Una coproduzione Rai Fiction e Picomedia, Mare Fuori ha debuttato il 23 settembre e va in onda su Rai 2 per sei prime serate. Filippo consegna la lametta alla direttrice, ma Paola non riesce a fargli rivelare da chi voleva difendersi.

Milan, comunicato UFFICIALE: Gabbia positivo al Covid-19
Gli altri due positivi presentano una bassa carica virale, e sono già stati sottoposti a un secondo test per una verifica. La partita tra Islanda e Italia è stata rinviata dopo i casi nella Nazionale azzurra.

Quanto accaduto costituisce quindi la procedura standard di un protocollo di sperimentazione clinica, fornendo la prova che lo sviluppo si sta svolgendo nell'osservanza dei principi etici e scientifici fondamentali.

Finora, la sperimentazione era proseguita senza intoppi. Un altro candidato vaccino italiano è quello di Takis.

Wu Guizhen, il capo esperto di bio-sicurezza presso il Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie, ha dichiarato a CCTV che i vaccini "potrebbero essere pronti per l'uso pubblico in generale già a novembre". E ha precisato che una volta completate le prove della fase finale e presentate all'Agenzia di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari, il controllo non avverrà "dall'oggi al domani", ma piuttosto ci vorranno settimane. Upmc, l'Università di Pittsburgh presente anche in Italia, sta studiando un componente anticorpale al farmaco Ab8 per un potenziale uso terapeutico e profilattico contro il coronavirus: viste le dimensioni microscopiche potrebbe essere somministrato anche con l'inalazione.

Condividere