L'OMS sul vaccino: "I giovani potrebbero dover aspettare fino al 2022"

Condividere

Una persona giovane e in salute potrebbe non essere vaccinata contro il coronavirus fino al 2022. "La gente tende a pensare che il primo gennaio o il primo aprile farà il vaccino e poi le cose torneranno alla normalità".

Se questo piano dell'Europa dovesse essere confermato, una volta approvato il vaccino sarà Bruxelles a distribuirlo ai vari Paesi partendo da quelli maggiormente colpiti dalla pandemia, con la precedenza tra i cittadini che poi sarà data al personale sanitario e agli anziani.

Grande Fratello Vip, i concorrenti sono pilotati? Le pesanti accuse
Il noto presentatore e direttore di Chi ha confermato che presto: "Un nuovo concorrente gay entrerà nella Casa del GF Vip ". Molti, infatti, affermano che non fosse necessario dichiarare l'entrata di un nuovo concorrente etichettandolo come gay .

Norme anti-Covid: Conte e Speranza firmano il nuovo Dpcm
Sono vietate tutte le gare, le competizioni e tutte le attività connesse agli sport di contatto aventi carattere amatoriale . Restano consentite , con le regole fissate dai protocolli già in vigore, le cerimonie civili o religiose come i matrimoni .

Ramos Juventus, non rinnova col Real Madrid: prima offerta di Paratici
A dare l'annuncio è El Chiringuito TV , che ha sganciato una vera e propria bomba per il calciomercato Juventus dei prossimi mesi. Sergio Ramos , 34enne difensore del Real Madrid e della nazionale spagnola, è in scadenza di contratto.

Sempre Bruxelles, è pronta anche a stabilire dei criteri di precedenza per quanto riguarda a chi dovrà essere somministrato prima il vaccino: si dovrebbe iniziare subito con il personale sanitario. Manca ancora un vaccino che sia considerato sicuro ed efficace ma la speranza è, appunto, quello di "averne almeno uno con queste due caratteristiche entro il 2021, che comunque sarà disponibile in quantità limitate". Non sarà possibile, insomma, una vaccinazione di massa rapida contro il Covid-19.

"Infine, una precisazione per chi è meno a rischio: "un giovane in salute potrebbe dover aspettare fino al 2022".

Condividere