Covid-19 - il gruppo sanguigno che rischia meno degli altri

Condividere

Secondo i ricercatori, il virus si sarebbe manifestato in forma più grave tra i pazienti di gruppi A e AB rispetto a quelli con sangue di tipo 0 o di tipo B: i primi richiedevano più frequentemente la dialisi per insufficienza renale ed erano più predisposti alla ventilazione artificiale per problemi polmonari. Lo rivelano due studi, ripresi dall'agenzia Agi, pubblicati sulla rivista Blood Advances e condotti da Odense University Hospital, Università della Danimarca e Università della British Columbia.

Ma qual è il gruppo sanguigno più resistente al rischio di trasmissione? Ricordano, inoltre, che le persone con gruppo sanguigno 0 potrebbero comunque contrarre l'infezione da SARS-CoV-2 causa dell'età, dell'obesità o di altri fattori che potrebbero renderli persone a rischio. "Ma - precisa il ricercatore danese - saranno necessari ulteriori studi per comprendere meglio le implicazioni delle informazioni che abbiamo raccolto". Qui vengono messi a confronto i dati di 473mila danesi sottoposti al trattamento per la cura del Coronavirus.

Huawei: media, tratta vendita brand Honor per 3,1 mld
Ma anche perché Honor ha da tempo una struttura indipendente, con un Ceo e una struttura di marketing e distribuzione a sé. La notizia era stata subito smentita da Huawei , che l'aveva bollata come priva di ogni fondamento.

F1, GP Eifel. Leclerc: "Contento della qualifica, non ce lo aspettavamo"
Questo e tanti altri i primati detenuti dal Kaiser che il pilota della Mercedes può eguagliare o battere nel prossimo futuro. "Aggiornamenti che potrebbero aver fatto un po' di differenza nella giusta direzione " sintetizza Leclerc .

Ramos Juventus, non rinnova col Real Madrid: prima offerta di Paratici
A dare l'annuncio è El Chiringuito TV , che ha sganciato una vera e propria bomba per il calciomercato Juventus dei prossimi mesi. Sergio Ramos , 34enne difensore del Real Madrid e della nazionale spagnola, è in scadenza di contratto.

Il secondo studio si concentra sull'analisi dei sintomi. Mentre i pazienti con gruppo sanguigno 0 rimangono sempre meno colpiti. Gli individui in possesso del gruppo 0 rischierebbero quindi meno di essere infettati dal coronavirus, oltre ad avere meno possibilità in percentuale di sviluppare una sintomatologia grave nel caso in cui venissero a contatto col virus.

"L'aspetto unico del nostro lavoro - commenta Mypinder S. Sekhon dell'Universita' della British Columbia - credo sia l'attenzione al gruppo sanguigno in relazione alla gravità e alla suscettibilità al coronavirus".

Condividere