Coronavirus, Antonio Ricci ricoverato ad Albenga

Condividere

Il coronavirus colpisce anche Antonio Ricci: dopo essere risultato positivo al tampone, il "papà di Striscia la Notizia è stato ricoverato all'ospedale di Albenga, la città in cui è nato".

La notizia è stata confermata dai parenti che hanno "piena fiducia nell'operato dell'équipe che lo ha in cura". Auguri di pronta guarigione Antonio Ricci, che ha compiuto 70 anni lo scorso giugno. La notizia era iniziata a circolare già nella serata di sabato 18 ottobre e ora trova conferme ufficiali. Ecco le condizioni dell'autore televisivo. Striscia la Notizia andrà comunque in onda regolarmente, sotto la conduzione di Ficarra e Picone, la coppia attualmente al timone.

Intanto il suo programma più noto, Striscia la notizia, continuerà ad andare avanti fino a quando non ci saranno nuive disposizioni.

Bologna-Sassuolo 3-4: il Derby è neroverde, rimonta clamorosa
Dal punto di vista mentale qualcosa è cambiato durante la partita , dopo l'episodio del 2-3 ci siamo sgonfiati. Condizione atletica e giovani - "Non credo sia stato un calo fisico, la causa non è quella".

Coronavirus, i nuovi contagi sfiorano i 6.000 casi in Italia
Il nostro obiettivo è molto chiaro: evitare di far ripiombare il Paese in un lockdown generalizzato. Non ci sono regioni a zero casi , la Basilicata è quella con meno: 8.

F1, GP Eifel. Leclerc: "Contento della qualifica, non ce lo aspettavamo"
Questo e tanti altri i primati detenuti dal Kaiser che il pilota della Mercedes può eguagliare o battere nel prossimo futuro. "Aggiornamenti che potrebbero aver fatto un po' di differenza nella giusta direzione " sintetizza Leclerc .

Striscia la Notizia: Antonio Ricci ricoverato per coronavirus. Della sua vita privata, invece, l'autore è sempre stato molto geloso e l'ha tenuta al riparo dai riflettori. Ricci è sposato da molti anni con Silvia Arnaud, di professione manager-amministratrice, dalla quale ha avuto tre figlie ormai grandi: Francesca, Vittoria e Alessandra. Al momento però non si conoscono le sue condizioni di salute.

Pare, infatti, che i protagonisti del programma si recassero almeno due o tre volte alla settimana negli studi milanesi, preparando degli stacchi con lanci neutri, simulando che tutto fosse normale.

Poi aveva spiegato che la nuova edizione di 'Striscia' è dedicata all'Insofferenza perché è simbolo del rifiuto per la mascherina, per i distanziamenti e per il tempo perso a seguire tutte le norme che cambiano di continuo.

Condividere