Trump e Biden alla resa dei conti, è l'Election Day

Condividere

Per l'elezione sono necessari 270 voti, ne restano da assegnare 77. Si vota anche per il Congresso rinnovando la Camera dei Rappresentanti, attualmente a maggioranza democratica, e un terzo del Senato oggi in mano ai repubblicani.

Secondo il modello di previsione del New York Times, il candidato repubblicano è favorito per conquistare North Carolina, Florida e Georgia, tre stati di cui ha assolutamente bisogno per restare alla Casa Bianca. Ma le elezioni presidenziali americane avranno molto probabilmente strascichi per giorni se non per mesi. A poche ore dai primi risultati, che rischiano di non diventare definitivi almeno per qualche giorno, stiamo leggendo davvero di tutto, con i sondaggisti però quasi unanimi: vincerà quel che rimane di Biden, di poco o di tanto. Magari perdendo il voto popolare, ma vincendo la partita decisiva nella decina di Stati chiave di questo 2020, con circa 197 grandi elettori in palio per la vittoria. Il social media ha infatti oscurato il cinguettio bollandolo come "fuorviante e controverso". Il netto vantaggio di Joe Biden si è progressivamente assottigliato con il prosieguo del conteggio dei voti. L'attuale presidente americano ha fatto un elenco di Stati, alcuni già ufficialmente attribuiti a lui, altri ancora contesi, che ritiene di aver vinto.

Читайте также: Caso Lazio, cosa rischiano i biancocelesti. Il punto

"Siamo sulla strada per vincere queste elezioni", ha detto Joe Biden, dicendosi "ottimista sul risultato".

При любом использовании материалов сайта и дочерних проектов, гиперссылка на обязательна.
«» 2007 - 2021 Copyright.
Автоматизированное извлечение информации сайта запрещено.

Код для вставки в блог

Condividere