Addio a Stefano D'Orazio, storico batterista dei Pooh: aveva il Covid

Condividere

Ieri sera è morto infatti a 72 anni Stefano D'Orazio, storico batterista dei Pooh. Già malato, le sue condizioni sono peggiorate proprio in seguito al contagio da Covid.

Il musicista non aveva figli, ma tre anni nnel giorno del suo 69novesimo compleanno, aveva sposato la compagna Tiziana Giardoni dopo dieci anni insieme.

"Stefano ci ha lasciato" e le firme degli altri, Roby, Red, Dodi e Riccardo.

Dopo anni di successi e tour, nel 2009 aveva deciso di mollare la band. "Non sapevo nulla. Insistevo per sposarmi, ma da lui non me lo sarei mai aspettato". Tra i molti messaggi, è arrivato quello di Tiziana Giardoni, moglie di Stefano D'Orazio: "Ho perso una parte di me".

Silvia Toffanin lutto mamma. "Ha voluto i genitori con sé" svela conoscente
La morte della mamma ha comprensibilmente sconvolto Silvia Toffanin, conduttrice di Verissimo, che non ha voluto fermate le puntate nonostante il lutto .

Rossi ancora positivo al Covid: "Situazione triste e difficile"
Sfortunatamente il test di ieri è risultato ancora positivo, però ho ancora due chance di essere in pista venerdì o sabato. Sono molto triste, perché mi sento bene e non vedo l'ora di tornare in sella alla mia M1 ed essere assieme al mio team.

Caso Lazio, cosa rischiano i biancocelesti. Il punto
Poi li abbiamo ripetuti e Immobile , Leiva e Strakosha sono risultati negativi quindi domenica sono scesi regolarmente in campo. Sul metodo: "Penso che il Synlab, il laboratorio dell'UEFA, utilizzi gli stessi test che si usano qui".

La coppia ha vissuto il loro amore sempre lontano dalle telecamere e dai pettegolezzi.

Non era la prima volta che il palcoscenico dell'Arena di Verona si prestava ad essere utilizzato per le proposte di matrimonio dei vip- Una location così romantica da convincere persino i più scettici: come dimenticare la commovente proposta di matrimonio di Fedez a Chiara Ferragni nel bel mezzo del suo concerto? Della malattia dell'artista ne erano a conoscenza poche persone. La donna è intervenuta con un comunicato stampa diffuso dalla famiglia, chiarendo le cause della morte: il batterista stava guarendo da una patologia pregressa, quando il coronavirus lo ha colpito. A dare la notizia è stato uno dei suoi amici, Bobo Craxi, su Twitter.

Poi si è lasciato andare ad un omaggio davvero commovente Red Canzian, mentre Mara Venier commossa era intenta ad ascoltarlo: "In questo momento non manca il collega, ma la persona che lui era". Da lì una serie di incontri che gli hanno segnato la vita.

Questa canzone era stata fatta per raccogliere del denaro per aiutare la città di Bergamo che durante la prima ondata fu travolta da migliaia di morti, facendo così intervenire l'esercito per aiutare la città completamente fuori controllo.

Condividere