Cotticelli drogato durante l'intervista? "Non lo so, non ero in me"

Condividere

Poi l'affondo al premier Conte: "La presa in giro è che dicono che danno 3-4mila euro, ma non li danno come stipendio, li danno a un'azienda che ha costi fissi magari di 15,20, 30 mila euro, per cui quei soldi non sono nulla". Non so che cosa sia successo. "Sto cercando di capire con un medico se ho avuto un malore o se è successo qualcosa di strano", si difende Cotticelli. Durante l'intervista in esclusiva all'ex commissario alla sanità calabrese Saverio Cotticelli, il giornalista calabrese, popolare conduttore catanzarese, è intervenuto ai microfoni di La7. Il generale dei Carabinieri in pensione, nominato commissario quasi due anni fa dal primo governo Conte, sembrava non essere minimamente a conoscenza del fatto che realizzare il piano anti-Covid era una sua responsabilità. "Dopo quell'intervista ho vomitato". "Non sono stato bene, sto indagando".

Xbox Series X|S: ci sarà un evento di lancio globale
Per tutti coloro che le ricevono in anticipo, siete i benvenuti: accendete e iniziate a giocare! Discorso diverso invece per GameStop: non tutti i negozi resteranno aperti.

A Napoli folla sul lungomare e ristoranti pieni
E infine: "Penso di aver avuto sempre un comportamento coerente, criticabile o meno, ma non sono né schizofrenico né confuso ". Che non hanno alzato un dito per controllare la movida, per mettere ordine, per dare una mano a controllare il contagio.

Coronavirus Calabria, 358 contagi e 4 morti: il bollettino
Altra Regione o stato Estero: CASI ATTIVI 232 (232 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 117 (116 guariti, 1 deceduto). Stabile il numero di pazienti ricoverati in rianimazione, 11.

"Dopo l'intervista mi sono dimesso perché è giusto prendersi le proprie responsabilità" aggiunge, precisando che ha riconosciuto pienamente le proprie responsabilità. "Perché quell'intervista arriva ed è preceduta da una serie di attacchi che mi arrivano per via mediatica e per via istituzionale". La verità è che quando in Calabria tocchi degli interessi particolari devi essere eliminato. Alla struttura commissariale, tra l'altro, è stato accollato un debito di 100 milioni accumulato dal Policlinico Mater Domini risalente al 2014. Chiamavamo lei e Belcastro e lei non ha mai risposto al telefono. Sono stato vittima di un piano elaborato da menti raffinatissime. "Consiglio che ho eseguito alla lettera" racconta Cotticelli. Sono stato malissimo. La Calabria ha una terra di mezzo. "Dico solo che non ero lucido e non stavo bene in quel momento".

Condividere