Roma. L’ultimo saluto a Stefano D’Orazio, lo storico batterista dei Pooh

Condividere

La conduttrice ha saputo della morte di D'Orazio da un amico.

"La cosa incredibile è stato il giorno prima". Ai funerali erano presenti anche Lorella Cuccarini, Roberto Ciufoli, Fausto Brizzi, il maestro Gianni Mazza, Marino Bartoletti, Fio Zanotti e Silvia Di Stefano, la figlia della sua ex compagna Lena Biolcati e che ha cresciuto come una figlia. Ho avuto un brivido. "Ho avuto un brivido - ha rivelato - A Stefano piaceva tanto mio figlio Andrea".

C'è ancora gente che va in giro senza mascherina...

"Io già le volevo bene prima, adesso ancora di più", ha spiegato. Anche quella televisiva a Tale e quale show.

Pauroso incidente per Samuel Eto’o: gli aggiornamenti
Le prime immagini del veicolo che guidava Eto'o, tuttavia, mostrano la parte anteriore distrutta . Il rischio è stato grosso ma le ultime notizie in arrivo dal Camerun sembrano più confortanti.

Appello di Biden agli Usa: "Indossate mascherina, non ha colore politico"
I tweet vengono considerati di pubblico interesse solo per i leader mondiali in carica e per i candidati, e non ai cittadini privati che non occupano più tali posizioni.

Covid, in Veneto altri 2.298 casi e record decessi seconda ondata: 31
Sono stati bloccati tutti gli interventi chirurgici programmati che richiedono la terapia intensiva nella fase post operatoria. Sulle voci relative allo spostamento del Veneto in zona arancione, Zaia ha replicato: " E' roba da Whatsapp ".

Pochissime persone sono state in grado di entrare nella chiesa a causa delle misure rigorose anti-covid. La vedova Tiziana D'Orazio è una sua amica, come lo era Stefano: "È una cara amica e ci siamo piaciute subito quando ci siamo conosciute". Però appunto sono momenti, questi, inevitabili momenti di smarrimento. "Poi, ieri sera, la terribile notizia". "E' una tragedia. Le lacrime di questo momento sono solo una minima parte di quelle che verseremo quando andremo nell'ufficio in cui c'era lui, quando vedremo una Jaguar bianca come quella che aveva lui o quando vedremo un altro batterista volteggiare con le bacchette come faceva lui". "E dire che lui stava così attento", afferma malinconica la Folliero.

Vogliamo ricordarlo mentre rotea in aria le due bacchette sorridente e felice perché "sul palco bisogna divertirsi" diceva, questo era uno degli intenti di una band che sapeva entusiasmare folle di intere e diverse generazioni. Il dolore è aggravato dal pensiero del grande vuoto che l'artista ha lasciato nella storia della musica italiana: "Se n'è andato Stefano d'Orazio, batterista dei Pooh, gruppo che ha riempito le nostre anime di note indimenticabili". Aveva una grande capacità di aggredire i problemi - ha proseguito Craxi - era un uomo capace di risolvere i problemi, da questo punto di vista non era un artista, che spesso sono abbastanza stravaganti, era un uomo molto concreto.

La storia tra Emanuela Folliero e Stefano D'Orazio si è conclusa 20 anni fa, dopo una frequentazione durata 2 anni e mezzo.

Condividere