Mihajlovic ricorda la malattia: "Il coraggio era più forte della paura"

Condividere

L'allenatore di calcio è stato accolto da Mara Venier in studio che si è lasciata andare ad una considerazione: "Tu sei un campione della vita e nella tua vita professionale". "Sono andato a fare la risonanza magnetica ed è uscito fuori che avevo la leucemia".

La Sampdoria si ritrova martedì a Bogliasco, per preparare la partita contro il Bologna di Mihajlovic, amatissimo avversario mai nemico, quattro anni da calciatore (110 presenze, 12 gol, una finale di Coppa Coppe sfumata ai rigori al penultimo atto, una qualificazione Uefa) e uno e mezzo da allenatore.

Coronavirus, rapporto positivi (quasi mille) su tamponi al 18% in Abruzzo
Vedere calare la presenza di malati nelle corsie di ospedale e i pronto soccorso meno affollati (qualche segnale gia' c'e'). Ore 12:00 - Sono 2.792 i contagi nelle ultime 24 ore per un totale che supera i 100mila casi (100.876).

Serie A, Milan nel mirino dell’Antitrust: ecco il motivo
Juventus , l'Antitrust ha messo sotto accusa nove società sportive di Serie A . Per quanto riguarda invece le società A.C.

Respinto ricorso della Roma: rimane 3-0 Hellas
L'udienza si è tenuta davanti alla Corte Sportiva d'Appello in videoconferenza nella giornata di ieri. Dodici invece i punti in classifica del Verona .

Dopo le emozioni toccanti l'intervista a Domenica In di Sinisa Mihajlovic ha avuto anche dei momenti divertenti. "Ma io sono serbo", ha replicato ancora Mihajlovic, che poi ha aggiunto: "Lei per me è stata decisiva, se avesse continuato la sua carriera io non potevo lavorare sereno", ha affermato. "Avevo tanta paura, però il coraggio era di più della paura e per vincere serve questo". "Quando sono andato alla mia prima partita, ero un morto che camminava, sono voluto andare lo stesso".

Condividere