Recovery Fund: Giorgia Meloni fiuta e respinge la trappola europea contro Orban

Condividere

Con il Recovery Plan l'Unione europea "vuole ricattare chi si oppone all'immigrazione". Prima di procedere nell'analisi della questione bisogna chiarire cosa questo termine significhi al fine di eliminare ogni dubbio: nella dottrina giuridica per 'stato di diritto' si intende quella forma di stato che garantisce il rispetto dei diritti e delle libertà dell'uomo. C'era chi se li sentiva in tasca.

L'Europa potrà "utilizzare degli strumenti finanziari per ricattare i paesi che si oppongono all'immigrazione", ha attaccato il premier ungherese Orban in un comunicato pubblicato su Twitter. Ieri Ungheria e la Polonia hanno bloccato l'adozione del bilancio dell'Unione europea per il quale è previsto il voto all'unanimità, esercitando il loro diritto di veto.

Vasco Rossi, la confessione choc: "Tre malattie mortali, in coma 4 volte"
Vasco Rossi si confessa al collega Cesare Cremonini , nominato direttore della rivista Vanity Fair per un giorno. Continua il rocker: "Quando gli amici hanno cominciato a morire intorno, Lolli, Massimo, Marietto.

Covid, il Veneto lancia i test fai-da-te
Gli esiti verranno illustrati in una dettagliata relazione scientifica che sarà inviata all'Istituto Superiore di Sanità per la validazione .

Dal lockdown alla Zona rossa quello che cambia è (soprattutto) la rabbia
La capienza sui mezzi pubblici non dovrà superare il 50% eccetto i mezzi adibiti al trasporto scolastico. Resteranno chiusi bar, pasticcerie, ristoranti, e tutti i negozi che non vendono beni essenziali.

"I cattivoni sovranisti Polonia e Ungheria mettono il veto sul Recovery Fund e la Meloni non dice nulla!' Avete sentito ripetere questa nuova litania alla sinistra e ai grillini?"

Secondo quanto riferisce l'agenzia di stampa STA, nella lettera indirizzata, fra gli altri, alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e al presidente del Consiglio europeo Charles Michel, Janša sostiene che lo stato di diritto deve essere rispettato in tutta l'Unione, senza "meccanismi discrezionali basati non su un giudizio indipendente ma su criteri politicamente motivati".

Condividere